Economia

Cisterna. Ex Goodyear. Mauro Carturan alza la voce: «A ciascuno le proprie responsabilità. Saremo vigili sul rispetto degli accordi sottoscritti»

16/03/2002

C'è nervosismo sulla vicenda della ex Good Year e lo si è visto nel corso di una animata
assemblea dei lavoratori che si è svolta ieri mattina e a cui il Sindaco di Cisterna Mauro
Carturan è stato invitato a partecipare.
«È normale» - ha detto Carturan - «che ci sia
nervosismo in questo delicato momento delle assunzioni dei lavoratori. Voglio però rammentare che su questa vicenda il
Comune e il Sindaco, attraverso l'istituzione della Società Mista (la "Cisterna Sviluppo" Spa)
e l'attivazione della cosiddetta Legge Pirelli (secondo caso in Italia), hanno fatto tutto il
possibile per far sì che si attuasse il processo di reindustrializzazione del sito ed il
reinserimento dei 212 lavoratori ex Good Year. Su questo progetto nessuno può pensare di fare il
furbo; pertanto in modo fermo e deciso tale progetto deve andare in porto come convenuto
in sede di Presidenza del Consiglio dei Ministri. Il Comune finora ha fatto fino in fondo la sua
parte e così continuerà a fare. Trattandosi di una società mista, le scelte devono prendersi
in sede pubblica e pertanto è normale che gruppi politici abbiano posizioni diverse
e che si apra al riguardo un dibattito. Ma questo non ha nulla a che vedere con la
scelta e l'impegno della Giunta Carturan di continuare nella direzione presa e che mira ad una
soluzione definitiva del problema».
«È bene precisare che l'Amministrazione, e certamente non attraverso la stampa, ha più volte
invitato la Meccano, attraverso il suo amministratore Bombacci, ed il sindacato a far sì
che gli accordi presi fossero rispettati. Nelle ultime ore vi sono state precise
avvisaglie tra le parti sociali affinché questo progetto si attui e proceda nella direzione
concordata. Questa mattina ho aprtecipato all'assemblea dei lavoratori come invitato perché
sempbrava vi fosse tra l'imprenditore ed il sindacato (era presente la Cgil) un palleggiamento
di responsabilità ed un conseguente "scaricamento" verso il Comune. È bene chiarire che il Comune
è stato costretto più volte ad intervenire nei confronti dell'imprenditore privato affinché
fossero prodotti agli uffici tecnici i progetti e tutta la necessaria strumentazione tecnica. Sono
state svolte numerose riunioni di concertazione presso la Provincia, a Roma presso lo Sviluppo Italia,
conferenze di servizi. Se la Meccano continua a produrre documentazione lacunosa, incompleta,
non conforme, eventuali slittamenti e ritardi non sono imputabili certamente al Comune.
È ora che ciascuno si assuma le proprie responsabilità e di queste ne renda pubblicamente
conto. Ad oggi si fa un invito forte all'Associazione degli Industriali di Latina
affinché mantenga un serrato rispetto di quegli accordi di cui l'Assindustria ne è stata testimone
e sostenitrice in sede di concertazione. Sulla pelle dei lavoratori denuncerò chi tenta di metterci
la politica di mezzo e se qualcuno ha fatto o qualche altro sembra oggi fare accordi sottobanco,
il Comune vigilerà e non può certamente uno slittamento di 24 ore in Consiglio Comunale
su una mole di atti prodotti con estrema celerità e tempestività essere occasione e pretesto
per additargli la benché minima responsabilità sull'esito dell'intero progetto di reimpiego».

Nella foto una vignetta di Gianni Caputo, tratta dalla raccolta «Window», edita da Ego Book.

Mauro Cascio

    Tag

    Cisterna

    Articoli correlati

    Altre notizie di economia

    ELENCO NOTIZIE