Sport

Calcio. Il Latina ritrova il successo, 2-0 al Sorrento

10/02/2002

Il Latina, tra le mura amiche del Francioni, riesce a conquistare altri tre punti e a proseguire, nel migliore dei modi, la corsa verso la promozione in serie C2. Nella sfida odierna contro il Sorrento, la formazione di Argenio ha dovuto soffrire più del previsto per avere ragione dei campani, grazie anche ad una discutibile direzione di gara del sig. Di Fiore di Aosta. Il tecnico pontino recupera Levanto, ed il difensore centrale guida il pacchetto difensivo con determinazione ed autorità; da fiducia al giovane Pesce sulla fascia destra ed affianca Gullì a Rizzolo; Selvaggio dietro le punte. Il Latina parte subito forte, nel giro di dieci minuti colleziona tre ghiotte occasioni da rete con Rizzolo, Selvaggio e Pesce, ma la bravura dell’estremo difensore campano ha evitato le realizzazioni. Il Latina, per tutto il primo tempo, continua a spingere sul pedale dell’acceleratore ma, nonostante una buona fluidità di gioco, la rete non arriva. Al 40’, dopo un lungo assedio, i nerazzurri trovano il vantaggio: dopo una prolungata mischia in area ed una prima conclusione a rete di capitan Selvaggio, lo stesso numero dieci riesce a crossare al centro per l’accorrente Rizzolo che, di piatto destro, supera il portiere rossoblù. Il Latina, ad inizio ripresa, non preme più come nei primi quarantacinque minuti, cerca di amministrare la gara, ma, al 55’, l’episodio che poteva cambiare il corso della partita: il Direttore di gara decide di decretare un calcio di rigore in favore del Sorrento per un intervento da tergo di Sanguedolce su Guariglia. Furibonde le proteste dei nerazzurri: in effetti, l’intervento del difensore centrale nerazzurro è apparso pulito, sembra che abbia colpito la sfera, terminata in calcio d’angolo, e non le gambe dell’attaccante campano. Dal dischetto si presenta Testa ma è mirabile ancora una volta Fimiani che riesce a deviare la palla in calcio d’angolo. Nel corso della ripresa i nerazzurri soffrono un pò e a dieci minuti dalla fine Argenio decide di cautelarsi: fuori Selvaggio e centrocampo a cinque con l’inserimento di Fuoco. Ancora qualche emozione fino alla seconda rete del Latina giunta il pieno recupero e precisamente al 93’ con una strepitosa azione solitaria di Piludu. Buona, tutto sommato, la prova del Latina capace, dopo lo scivolone di sette giorni fa sul campo della Viribus Unitis, di affrontare con la giusta convinzione e determinazione la sfida odierna; buona la fluidità di gioco e della manovra della formazione nerazzurra anche se, in certe occasioni, si soffre un pò troppo. Il migliore in campo, ancora una volta, è stato Fimiani ma una nota di merito anche per Rizzolo, sempre molto attivo e presente, e per Stravato, Pesce e Levanto. Una nota di demerito alla città di Latina: anche con la squadra in testa alla classifica le gradinate del Francioni appaiono sempre troppo vuote. Con questo successo il Latina mantiene la testa della classifica con 45 punti. Segue l’Isernia a 43 punti, vincendo in casa per 1-0 contro il Ferentino. Scende al terzo posto la Viribus Unitis, a 42 punti, dopo aver pareggiato 0-0, in trasferta, sul campo della Val di Sangro. Gli fanno compagnia i Gladiator, sempre a 42, vincenti per 1-0 sul campo del San Giorgio Apricena. A 37 punti il Real Cassino (vincente 4-1 in casa contro l’Aprilia), a 34 Marcianise (vincente 5-1, in trasferta, con l’Ostia Mare) e Pro Vasto (vincente 2-1 a Ceccano). A 33 l’Aprilia, a 31 il Terracina (sconfitta 1-0 sul campo della Turris). Questa la formazione del Latina. Fimiani, Sanguedolce, Pecorilli, Di Julio, Levanto, Candido, Pesce, Stravato (64’ Di Stefano), Rizzolo (69’ Piludu), Selvaggio (79’ Fuoco), Gullì. Gol: 40’ Rizzolo, 93’ Piludu.

Redazione ParvapoliS

    Tag

    Calcio

    Altre notizie di sport

    ELENCO NOTIZIE