Economia

Provincia, Ufficio Ecologia. Autorizzazione a Desco, Cirio e Sagest per lo scarico di acque reflue

24/08/2000

Prosegue l'impegno dell'Assessore Giuseppe Simeone e degli uffici competenti della Provincia per un'attenta e stimolante azione di vigilanza ambientale che attraverso la concorde condotta di soggetti pubblici e privati conduca a positivi risultati a favore dell'ecosistema locale e, di riflesso, anche dell'economia e del mondo del lavoro.
Dopo le recenti inaugurazioni dei depuratori dell'area del Golfo di Gaeta, oggi è la volta dell'autorizzazione allo scarico di acque reflue rilasciata dall'Ufficio Ecologia ed Ambiente della Provincia a favore di tre importanti aziende di trasformazione dei pomodori: la Desco spa di Terracina; la Cirio Alimentari spa di Sezze e la Sagest srl di Pontinia.
Un'autorizzazione frutto di un attento controllo da parte degli uffici provinciali che ha permesso di accertare come le aziende spcificate abbiano dotato i loro stabilimenti: "di idonei impianti di depurazione che hanno comportato rilevante impiego di capitali".
In particolare la Cirio Alimentare ha investito circa 5 miliardi per il rifacimento dell'impianto, mentre la Desco e la Sagest hanno effettuato: "imponenti interventi di ristrutturazione ed adeguamento".
"Questi interventi - ha accertato l'Ufficio Ecologia della Provincia - consentiranno una depurazione in sicurezza delle acque reflue di lavorazione di circa un milione di quintali di pomodori, dei quali poco meno della metà provenienti dall'area pontina".
Soddisfatto l'Ass. Simeone che ha espresso il suo vivo compiacimento per l'impegno profuso dalle tre aziende leader nel settore della trasformazione del pomodoro, a favore di una politica produttiva capace di raccordare gli interessi economici con quelli della salvaguardia ambientale.

Mauro Cascio


    Altre notizie di economia

    ELENCO NOTIZIE