Sport

Calcio. Primo KO del Latina, 0-2 contro l'Isernia

09/12/2001

Il Latina cade sul proprio terreno. La formazione di Argenio esce sconfitta dal Francioni, per 2-0, dopo la sfida odierna contro un ottimo Isernia. La squadra nerazzurra non è stata mai in partita, non è riuscita a rendersi pericolosa ma, in particolar modo, non ha mai impensierito l’estremo difensore ospite Verde. Con De Matteis dal primo minuto in cabina di regia per l’infortunio rimediato nell’ultima rifinitura di ieri a Di Julio e con Stravato e Rizzolo inizialmente in panchina, il Latina si è fatto subito trovare impreparato contro la migliore organizzazione di gioco dell’Isernia: belle le combinazioni e le verticalizzazioni degli uomini di Mastalli. Il primo tempo si è chiuso in parità. Nella ripresa si registrano le cose più spettacolari, più per gli ospiti che per i nerazzurri. Al 62’ la formazione biancoceleste trova la via della rete: lancio in verticale di Mattoni e fuga sulla sinistra di Majella, il quale supera in velocità uno spaesato Lungheu e in diagonale batte Fimiani in evidente ritardo sull’attaccante. Al 71’ la svolta della partita, il Direttore di gara, il sig. D’Antoni di Palermo, espelle per proteste il capitano pontino Selvaggio per doppia ammonizione. In entrambe le occasioni l’arbitro ha estratto i cartellini gialli per sedare le continue proteste del numero dieci nerazzurro. Argento, nel corso della gara, ha tentato di dare maggiore aggressività e lucidità all’attacco, inserendo prima Stravato e poi Rizzolo ma i frutti di questo tentativo non si sono mai visti. All’86’ il raddoppio dell’Isernia con una classica azione di contropiede e finalizzata ancora da Majella. I fischi e le proteste hanno accompagnato gli uomini di Argenio negli spogliatoi. Sul finale brividi per un difensore dell’Isernia, Mastrisciano, per un improvviso blocco cardiaco. Il Latina visto oggi al Francioni ha veramente deluso tutte le aspettative, squadra prevedibile, scarsa vena degli uomini di classe e con un pacchetto di centrocampo veramente poco ispirato. Deludente il nuovo acquisto De Matteis, mai in grado di dettare i tempi dell’azione e di fare il giusto filtro a centrocampo (mai l’assenza di un mediano come Di Julio si è fatta così sentire). In fase difensiva numerosi gli svarioni del pacchetto centrale, in particolar modo di Lungheu, pizzicato in più di una circostanza in appoggi avventurosi. In avanti un fantasma Selvaggio prima della espulsione, mediocre anche Anselmi mentre il discorso per Rizzolo è diverso, all’ex attaccante della Lazio non sono mai giunte palle giocabili. Con questo risultato, comunque, il Latina (32 punti) non pregiudica più di tanto il suo cammino, mantiene ben quattro punti sulla seconda inseguitrice, i Gladiator (28 punti) vincenti sul proprio terreno 2-0 contro il Terracina. A cinque lunghezze (27 punti) l’Aprilia che ha pareggiato 1-1 a San Giorgio Apricena e la Viribus Unitis fermata 0-0 in casa dalla Marcianise. A 26 punti il Real Cassino, vincente 2-0 sul campo del Val di Sangro, e la Pro Vasto a 24 l’Isernia. Questa la formazione del Latina scesa in campo. Fimiani, Lungheu, Pecorilli, De Matteis (64’ Rizzolo), Levanto, Candido, Pomili, Pesce, Anselmi (75’ Basili), Selvaggio, Piludu (57’ Stravato). Espulso: 71’ Selvaggio.

Redazione ParvapoliS

    Tag

    Calcio

    Altre notizie di sport

    ELENCO NOTIZIE