Politica

Cisterna. Dopo il ritiro delle deleghe agli assessori, la situazione politica sbarca in consiglio comunale. Mauro Carturan: «Un atto doveroso»

28/11/2001

Con riferimento al ritiro delle deleghe e dell’apertura di una discussione politica in seno
ai partiti che compongono la maggioranza consiliare, già nella riunione di lunedì scorso i
partiti hanno stabilito la stesura di un documento programmatico e la discussione in aula
consiliare come primo punto dell’ordine del giorno della prossima riunione fissata per
l’11 dicembre prossimo.
Dunque, dell’attuale situazione politica ed amministrativa si discuterà in Consiglio comunale,
tiene a sottolineare il Sindaco Carturan, ma senza il sollecito degli 8 consiglieri di
minoranza che nella giornata di ieri hanno avanzato un’uguale richiesta indirizzata al
Presidente del Consiglio Comunale.
Già da qualche settimana, infatti, è in corso una verifica interna ai partiti che compongono
la maggioranza consiliare. Tale discussione è stata determinata dalle necessarie integrazioni
da apportare al documento programmatico dell’Amministrazione Carturan. Infatti, al momento
della sua elezione, nel giugno ’99, il mandato amministrativo era di 4 anni, mentre le recenti
leggi portano la scadenza del mandato a 5 anni.
Di qui la necessità di apportare integrazioni al documento e quindi di aprire un dibattito
interno alla maggioranza.
Inoltre, si è ritenuto opportuno, a metà del mandato, fare il punto dell’operato finora
svolto ed all’interno dei partiti politici stabilire le linee guida ed eventuali
aggiustamenti nel rispetto degli impegni e delle alleanze assunte nelle scorse elezioni
amministrative.
Per questo, quindi, nelle ultime settimane si sono tenute varie riunioni tra le segreterie
politiche e domani sera si terranno le due riunioni conclusive. Ma ormai tutto o quasi
è già stato definito. E sarà proprio il Sindaco, nella conferenza stampa indetta per
domani alle ore 12, assieme ai segretari politici e capigruppo consiliari della maggioranza,
a sciogliere tutti i nodi dell’attuale situazione politica cisternese.

«Stiamo facendo il riscontro del lavoro svolto per decidere come procedere per il tempo
restante - ha detto il Sindaco Mauro Carturan -. Per questo si è aperto un bel confronto
ed un dibattito molto intenso con i partiti. Ho 40 uomini che lavorano per questa
Amministrazione e non ho la presunzione di pensare che siano tutti ugualmente impegnati e
qualitativamente capaci. Per questo ho rimesso nelle mani delle segreterie politiche
l’operato di questa Amministrazione affinché facciano una sintesi e stabiliscano,
nell’ambito della ‘squadra’, il percorso e gli eventuali aggiustamenti da fare. Questo
perché, a differenza dell’ex Amministrazione Salvatori, che rammento essere stata la
peggiore degli ultimi 50 anni, non mi appartiene il concetto dell’ ‘assessore usa-e-getta’.
Se qualche posizione dovrà essere rivista lo stabiliranno i partiti politici, nel rispetto
delle persone e del percorso comune da affrontare insieme nell’amministrazione di
questa città. E non si tratta di un ‘gioco’, come qualcuno l’ha definito, e nemmeno
‘al rialzo’ poiché l’operato di questa Amministrazione è sotto gli occhi di tutti; con
il rispetto degli impegni elettorali ormai prossimi alla conclusione che aspettano
soltanto il naturale iter amministrativo degli appalti per realizzarsi. Inoltre era
scontato sin dall’inizio - rimarca il Primo Cittadino - che avrei portato la crisi
politica in Consiglio Comunale perché è lì, il luogo che idealmente rappresenta
tutta la città, che presenteremo il documento programmatico integrato da nuovi
obiettivi ed il percorso comune per assolverli».

Mauro Cascio

    Tag

    Cisterna

    Altre notizie di politica

    ELENCO NOTIZIE