Economia

Cisterna. La Regione approva il Piano di Mantenimento Industriale. Mauro Carturan: «Una svolta epocale». Via libera a miliardi di investimento

23/11/2001

Dopo 25 anni è stata finalmente riconosciuta la destinazione industriale dei siti delle
maggiori industrie di Cisterna.
Si è tenuta la seduta del Comitato tecnico consultivo regionale, massima istituzione per
l’approvazione dei piani urbanistici, per l’esame della variante di mantenimento industriale
di Cisterna.
Alla riunione sono stati invitati a partecipare il Sindaco di Cisterna Mauro Carturan,
l’Assessore all’Urbanistica Domenico Capitani, il Dirigente del Settore Urbanistico di
Cisterna, Ing. Gianfranco Buttarelli, il Tecnico Comunale Arch. Carlo De Dominicis ed
il progettista incaricato Ing. Paolo Berdini.
Al termine di un’attenta valutazione di tutti gli atti, l’attesissima variante di mantenimento
industriale è risultata approvata dal Comitato regionale.
«È una svolta epocale - ha commentato il Sindaco Carturan -. Sono fiero della mia personale
intuizione di aver fatto inserire la questione del mantenimento industriale all’interno
dell’accordo di programma stilato presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri
sulla vicenda Good Year. È stata una scelta strategica che è risultata quest’oggi di
primo piano nell’approvazione della variante urbanistica. Oggi vengono riconosciuti, dal
punto di vista urbanistico, i grandi investimenti industriali degli anni Sessanta e
Settanta che hanno costituito la spina dorsale dell’economia cisternese e pontina per
decenni come la Slim, la Chiorda, la Manifatture del Circeo, la Gelit, l’ex Good Year e
tanti altri importanti opifici sorti al di fuori dell’area industriale."
L’approvazione del piano, dal punto di vista amministrativo, dovrà essere perfezionato in
sede di Consiglio Comunale e subito dopo con una delibera regionale: in tutto un paio
di mesi al massimo.
Oltre alla "regolarizzazione" della situazione urbanistica con conseguenti notevoli
vantaggi, le industrie interessate dall’approvazione del piano potranno finalmente
tornare ad investire ed ampliare gli stabilimenti. Tra questi la Gelit, recentemente al
centro degli interessi di una grande azienda alimentare, e la Slim che da circa un
quinquennio attende questo momento per poter dare il via libera ad importanti investimenti
per il potenziamento dell’industria».


«Cisterna - ha continuato il Sindaco - torna al centro dell’economia pontina, con grandi
industrie che riprendono ad investire sul territorio e quindi daranno impulso all’economia
ed alla creazione di nuovi posti di lavoro. Debbo ringraziare l’Assessore Capitani e
lo staff dell’ufficio tecnico comunale per l’egregio lavoro svolto; inoltre ringrazio la
Regione Lazio e l’Assessorato all’Urbanistica per aver mantenuto l’accordo preso in
sede ministeriale e ringrazio infine la solerzia dei tecnici regionali».
Il Sindaco ha voluto personalmente dare comunicazione dell’avvenuta approvazione del piano
di mantenimento industriale con una lettera al Prefetto, all’Associazione Industriali
ed alla Federlazio.

Mauro Cascio

    Tag

    Cisterna

    Altre notizie di economia

    ELENCO NOTIZIE