Eventi & Cultura

MAD: la personale di Daisy Triolo per la Benacquista Art Collection

Entra nella fase autunnale il progetto artistico “Benacquista Art Collection” che propone 12 mostre di arte contemporanea all’interno dell'Agenzia di Assicurazioni con il patrocinio del Comune di Latina. Gli uffici sono sede espositiva della rassegna

10/10/2022

Massimiliano e Sabrina Benacquista con Fabio D’Achille hanno improntato questa iniziativa partendo da un calendario da tavolo che vede MAD e le società del Gruppo Benacquista, insieme nel biennio 2021-22 nel segno dell’Arte Contemporanea con un progetto socio-culturale. Le esposizioni sono un’occasione per selezionare ed acquisire decine di opere di autori che operano sul territorio di Latina che faranno parte di un’asta benefica che la famiglia Benacquista sta acquisendo e proponendo per un’importante donazione di solidarietà a fasce sociali svantaggiate.

Il calendario prevede che ogni artista “suggelli” a sé un mese del nuovo anno e di conseguenza esponga negli spazi comuni della filiale di via del lido a Latina. Ottobre ospita “la giovane autrice di Sabaudia Daisy Triolo che attraverso la pittura, il disegno, l’assemblaggio e il collage esprime una serie di sensazioni ed esperienze legate alla sua personalità ma anche al proprio intimo e alla sua esperienza di vita vissuta in relazione ad esperienze contingenti - anche dolorose - che contamino la sua cifra stilistica improntata tra colore e mocromatismi. Lo stile è semplice, quasi naif, spontaneo e a tratti iconico. Il disegno resta matrice centrale della sua progettualità quasi a suggellare che ogni opera è testimonianza di progetto inteso come bozzetto e finitura intesa come essenziale emozione.”

 

Daisy Triolo

mostra personale per Benacquista Art Collection

A cura di Fabio D’AcHille

3_31 ottobre 2022

Latina Via del lido, 106

Benacquista Assicurazioni

Dal lunedì al venerdì ore 9:00_12:30 / 15:00_17:30

 

BIOGRAFIA Daisy Triolo

Laureata in Storia dell’arte con un Master in Digital Heritage presso "La Sapienza" di Roma, Daisy Triolo si divide tra l'attività di Visual Artist e quella di Tatuatrice, entrambe terreno fertile per il suo immaginario.Dal 2015 l’artista collabora con il MAD (Museo d’Arte Diffusa), associazione promossa dall’organizzatore e curatore Fabio D’Achille con l’obiettivo di riattivare e far circolare l’arte pienamente, anche in quei canali espositivi alternativi di solito trascurati. Le sue opere sono stati pubblicate negli anni su riviste, libri specializzati, cataloghi e piattaforme artistiche. Nel giugno 2018 esce il suo primo catalogo ufficiale con allegata biografia dal titolo Daisy Triolo. Sogni ludici (acquistabile tra gli altri, anche presso la Feltrinelli). Lo stesso anno una sua opera (dal titolo Misuro la Felicità, 2017, tecnica mista, cm.30x30x30) è entrata definitivamente nella Collezione permanente del MAAM, Museo dell'Altro e dell'Altrove di Metropoliz a Roma. Partecipa a mostre nazionali ed internazionali, vincitrice del Primo Premio under 35 alla Biennale d'Arte di Latina (2016) e Finalista Nazionale del Concorso MarteLive (2019), Daisy svolge nel 2021 la sua più grande Personale proprio nella sua città, Sabaudia, in quella bella cornice che è Palazzo Mazzoni (Anime Ribelli, curata da Fabio D'Achille e coordinata da Daniela Picciolo per la Fidapa, con il contributo del settore Cultura del Comune della città). A Novembre dello stesso anno l’artista è invitata a partecipare alla più grande collettiva al mondo, intitolata Be**pART presso l’Atelier Montez di Roma.

Triolo si descrive come una storyteller in continua ricerca di narrazioni, che rende concrete attraverso medium diversi, dal disegno alla pittura, al video fino alle composizioni tridimensionali. Negli ultimi anni compone installazioni tematiche formate dalla sua produzione materiale in cui racconta tutta la sua identità di donna e artista. 

La poetica di Daisy Triolo si basa essenzialmente sulla memoria, sia essa collettiva o personale. Alcune volte si tratta di memoria vera, la propria, altre di una memoria inventata talmente forte che sembra assumere connotati reali. 

Evolvendo verso una ricerca sul senso delle cose, Triolo tende a portare, in generale, nelle proprie opere complessi sentimenti interiori, metafore di avvenimenti personali e non, ricordi latenti, tutto reinterpretato attraverso la lente della malinconia. Se è vero che la forma rivela la parte più intima dell'autore, Triolo nelle sue opere offre sempre se stessa al pubblico nelle vesti più intime.

Redazione ParvapoliS

Tag

Cultura

Altre notizie di eventi & cultura

ELENCO NOTIZIE