Eventi & Cultura

I dipinti di Monica Menchella per BIG•MAD da Benacquista Assicurazioni

Prosegue il progetto artistico, “2021 with Contemporary Art” alla Benacquista Assicurazioni di Latina che è sede espositiva di 12 esposizioni del museo d’arte diffusa per tutto il 2021. Massimiliano Benacquista e Fabio D’Achille hanno improntato

02/11/2021

Un’esaltazione della vita, della pulsione interiore alla sopravvivenza, grido al diritto di esistere indipendente da giudizi estetici. E’ questo, in sintesi, che accomuna le opere di Monica Menchella, artista eterogenea alla costante ricerca dell’identità, dell’affermazione del sé in un panorama artistico quanto mai ampio e variegato. Monica guarda alle maggiori correnti dell’avanguardia novecentesca, le osserva, le smembra e le integra in un linguaggio proprio, diversificato, mai appagato neanche quando sembra aver raggiunto una stabilità. Eppure le sue pennellate sono inconfondibili, i segni appaiono del tutto personali, le forme sono soltanto sue, si muovono con disinvoltura e s’impongono con forza. Elementi figurativi riconoscibiliemergono anche laddove l’astratto sembra il fondamento indiscusso al punto da sfociare nell’informale. I grembi materni, i semi anticipatori di vita, le forme femminili, le croci, più o menoaccentuate, sono le radici di un eclettismo agognante alla sintesi - ora dichiarata ora sottintesa- tra le ramificazioni dell’arte della Menchella, in virtù della spiritualità, partenza e approdo della ricerca. La vita è il traguardo mai completamente raggiunto nell’evoluzione di quest’artista. Poco importa, allora, che le sue opere corrispondano ai canoni del bello inteso come concetto artificioso, diktat della contemporaneità, non solo artisticacon conseguenze spesso devastanti. Monica ribadisce con forza che la vita è anche dolore, che lo stesso venire al mondo è frutto di un travaglio fisico, il medesimo che traspare dalle sue opere, caratterizzate da una genesi sofferta e da un fare affannoso. Il risultato è un insieme di linee, segni e colori forti, talvolta accecanti, che sottopongono all’attenzione di chi osserva questioni più che attuali che riguardano tutti, nessuno escluso. Ecco allora che l’artista punta i riflettori sulle conseguenze dei disastriambientalidella voracità e violenza con cui l’uomo assoggetta ai suoi voleri la natura, delle sue atrocità nei confronti di essa. La possibile soluzione a questo stato di cose è offerta da una riflessione sui principi basati sull’amore, sull’attaccamento alla vita che è alla base della vastissima produzione della MenchellaLaura Cianfarani (Critica d'arte)

Redazione ParvapoliS


    Altre notizie di eventi & cultura

    ELENCO NOTIZIE