Eventi & Cultura

Contarino: “Torrecchia tra i tesori di Cisterna”.

Il delegato al Turismo ha incontrato la Fondazione per avviare una collaborazione già a partire da questa primavera

25/03/2019

Cisterna è Ninfa, butteri, Tres Tabernae ma anche Torrecchia.
A pochi giorni dalla delega al turismo, il consigliere Mauro Contarino è già all’opera per portare a compimento ciò che aveva avviato prima del ritorno alle urne: la creazione di offerta turistica integrata tra le attrattive storico-monumentali-ambientali presenti sul territorio.
In vista di ciò questa mattina si è incontrato con Yanis Elalamy della Fondazione Torrecchia Vecchia, unitamente al coordinatore dello Sportello turistico della Pro Loco Stefano Ferrara, al fine di avviare una collaborazione tra i due enti volta a promuovere questa ulteriore bellezza monumentale e paesaggistica di Cisterna.
Nella tenuta di Torrecchia, un tempo dei principi Borghese e poi degli Sbardella, trascorse i suoi ultimi anni di vita il principe Caracciolo che diede incarico a Gae Aulenti, celebre architetto noto per aver collaborato al restauro del Museo d’Orsay, l’incarico di restaurare il castello, mentre al paesaggista Dan Pearson venne affidata la creazione di un magnifico giardino inglese all’interno delle mura. Il tutto immerso in un vasto lembo di territorio incontaminato, popolato da alberi secolari.
Un’oasi poco conosciuta e molto riservata che attraverso un’intesa tra il Comune e la Fondazione potrebbe “svelarsi” ad un maggiore numero di visitatori attraverso collegamenti da e per la stazione ferroviaria, il complesso monumentale di Palazzo Caetani, con le sue grotte, gli affreschi, il museo del buttero, e presto anche con la raccolta dei reperti restaurati di Tres Tabernae.
“Ringrazio la Fondazione Torrecchia – ha commentato Contarino al termine dell’incontro – per la disponibilità a collaborare ad un progetto generale che, attraverso la Pro Loco, vuole mettere in rete le numerose e importanti risorse turistiche presenti sul nostro territorio già da questa primavera. L’intento è quello di stimolare la nascita e crescita di un’economia di servizi ai visitatori che, anche facilitati dalla stazione ferroviaria, potrebbero giungere e soggiornare a Cisterna”.

Redazione ParvapoliS

    Tag

    Cultura

    Altre notizie di eventi & cultura

    ELENCO NOTIZIE