Eventi & Cultura

Tutto pronto per il Palio dei Draghi

Sul lago sfilano le contrade. Domenica la regata del palio

21/07/2018

Scaldano l'acqua i colpi di remi dei dragoni che si allenano, in queste ore, per contendersi il drappo del palio, domenica (22 luglio) alle 19.00 presso il Circolo The Core, in occasione del decennale della manifestazione. Il percorso, in rettilineo, sarà di circa 500 mt. Si riducono le strategie di gara, le contrade si sfideranno in velocità e resistenza. Per questo motivo, i più forti sulla carta, potrebbero diventare campioni effettivi. "E' un percorso che penalizza gli equipaggi meno performanti - commentano alcuni atleti- diversamente, col giro di boa, tutto può cambiare, perché saper virare non è sempre qualità dell'equipaggio più veloce". Confermano i timonieri, che nella virata, hanno gran parte della responsabilità. Fatto sta che il percorso è stabilito, perciò bisognerà aumentare i colpi di pagaia per salire sul podio. 

Comuni e Associazioni gareggeranno, invece, su un percorso di 200 mt. I giudici daranno lo start alle regate amatoriali alle ore 16.30.
Grande attesa per l'equipaggio del Comune di Sabaudia che, essendo padrone di casa, punta ad un buon risultato. Per chi tiferà il Sindaco? Chiaramente per i suoi Amministratori e per la sua contrada. Quale? Lo scopriremo questa sera. Lo staff del palio, infatti, invita tutti i cittadini, alle 21.30, a partecipare all'apertura della manifestazione, presso il centro storico di Sabaudia. Ci saranno proiezioni video, il saluto delle autorità e la presentazione delle contrade. Il tutto, tra gli stand gastronomici allestiti da CSRP Vodice; Officine della Memoria, Katiuscia Take Away, Comitato UNITI SI PUO' di Mezzomonte.
Il Comune assume un ruolo importante e inedito, per questa edizione: diventa promotore e organizzatore. Una novità, quindi, immergersi totalmente nei lavori di preparazione della manifestazione ed una conferma del grande impegno che c'è dietro. Collaboratori: i tecnici del Circolo The Core, referenti della parte sportiva. Una nuova squadra, insomma. "Negli anni -commenta l'ideatrice Iunia V. Saggese - abbiamo assistito ad un periodico rinnovo del team organizzativo, segno che il palio è un evento ambito, e che gli Enti e le Istituzioni locali si vogliono spendere e impegnare, tutto questo mi gratifica molto. E' la mia ricompensa, insieme alla soddisfazione di tutte le persone che ogni anno tornano sul lago, a luglio, per un pomeriggio, che assume un valore culturale, al di là dello sport. Dopo dieci anni, spesi in maniera gratuita per il palio, mi aspetto questo: che la disponibilità e la fiducia nel futuro di questo territorio, mia e di tutti gli altri volontari, sia ripagata con la vita più lunga che si possa augurare a questa manifestazione".

 

Redazione ParvapoliS


    Altre notizie di eventi & cultura

    ELENCO NOTIZIE