Eventi & Cultura

Un successo lÂ’ArdeajazzWinter, ora si lavora per Ardeajazz Festival

Sold - out al concerto dellÂ’esuberante saxofonista, Stefano Di Battista, che ha regalato una serata indimenticabile, tante emozioni e la magia delle note dei Dea Trio

05/02/2018

Serata, esilarante, forse questo il termine giusto per descrivere il concerto della seconda edizione dell'ArdeajazzWinter. Nell'accogliente area relax, del Golf Club MareDiRoma, appositamente trasformata in sala concerti si è consumato un sabato sera a dir poco indimenticabile. L'atmosfera era già delle migliori grazie alle particolari attenzioni dello staff dell'Associazione Filarmonica di Ardea, che ha accolto tutti con particolare affabilità fra uno stuzzichino e un aperitivo poi, puntualissimi alle 21.00, è iniziato il concerto. In pedana i Dea Trio, al secolo Daniele Sorrentino al contrabbasso, Elio Coppola alla batteria ed Andrea Rea al piano i Dea appunto. Quanto fossero abili, lo si è capito fin dalle prime note che hanno scaldato l'aria poi presentandosi, hanno proposto un brano, "Dea", dal loro ultimo lavoro discografico "Secret Love", che li vede protagonisti di un tour in Europa. Alle 21.10 è salito sul palco Stefano Di Battista che si è unito ai tre con straordinaria umiltà. Il concerto si è aperto con un omaggio a Lucio Dalla, le note si sono rincorse, è partita una sorta di sfida fra contrabbasso e sax, quasi fosse uno sketch fra i due strumenti che dialogavano in un serrato botta e risposta, il pubblico attonito, sorrideva partecipando attivamente alla gag applaudendo, al limite della standing ovation, sulle ultime note di Attenti al Lupo. Gli omaggi musicali sono proseguiti con Quando di Pino Daniele e un inedito dedicato a CocoChanel, la rivoluzionaria stilista francese. La diatriba fra strumenti è proseguita, coinvolgendo a turno il piano e la batteria, poi è stata la volta del pubblico chiamato a diventare parte integrante del concerto, gesticolando come si farebbe con uno scettro e canticchiando come alcuni fanno sotto la doccia.  È stato un crescendo di emozioni culminato fra l'ilarità generale ed erano già le 23.00, due ore vissute in un soffio, praticamente volate. Peccato per chi si è perso la serata, o per chi non è riuscito ad accaparrarsi un posto. Ora non resta che aspettare l'estate. Il maestro Raffaele Gaizo, e l'Associazione Filarmonica di Ardea sono già al lavoro per la terza edizione dell'ArdeajazzFestival, in programma a metà luglioe, se queste sono le premesse, sarà davvero un appuntamento da non perdere. 

Redazione ParvapoliS

    Tag

    Cultura

    Altre notizie di eventi & cultura

    ELENCO NOTIZIE