Cronaca

Beni confiscati alle mafie

Consegnato al Comune di Latina e all'istituto agrario il terreno di via Goya

29/01/2018

Si è svolta questa mattina a Priverno, presso l'Isiss Teodosio Rossi, la cerimonia di consegna a tre comuni pontini e ad altrettanti istituti scolastici della provincia, dei terreni confiscati alle mafie e destinati a diventare laboratori didattici frequentati dagli studenti impegnati nei percorsi di alternanza scuola-lavoro.

All'evento hanno preso parte i Sindaci dei Comuni interessati dal progetto, promosso dalla Regione Lazio attraverso l'osservatorio per la sicurezza e legalità: Damiano Coletta per il Comune di Latina, accompagnato dal vicesindaco Maria Paola Briganti; Anna Maria Bilancia, Sindaco di Priverno e dirigente scolastica del Teodosio Rossi; Salvatore Vento, primo cittadino di Spigno Saturnia. Con loro anche i dirigenti scolastici degli altri due istituti coinvolti nell'iniziativa, Vincenzo Lifranchi per il San Benedetto di Borgo Piave e Lidia Cardi del comprensivo Itri.

Con delibera di giunta n. 533 del 30 novembre scorso il Comune di Latina, nell'ambito di una convenzione sottoscritta con la Regione e l'Istituto Agrario San Benedetto, ha accettato il progetto presentato dall'istituto per la riqualificazione e l'uso a scopo sociale dell'area verde sita in Via Goya. Il terreno, dell'estensione di un ettaro, era di proprietà di un noto esponente di una famiglia rom stanziale a Latina ed è stato confiscato nel 2010 per poi essere consegnato alla Regione. Con la firma della convenzione, avvenuta ufficialmente oggi, l'uso del bene è stato concesso all'amministrazione comunale e al San Benedetto. I ragazzi dell'istituto lo trasformeranno in un orto sociale nell'ambito delle attività di alternanza scuola-lavoro. Per la bonifica dell'area e il suo riutilizzo la Regione metterà a disposizione un contributo economico pari a 50mila euro.

«Il progetto che ci riguarda - ha sottolineato il Sindaco Coletta nel suo intervento - ha un enorme valore in quanto consente di trasformare un bene simbolo del potere criminale sul territorio da intoccabile a bene comune. Oggi siamo qui perché un'iniziativa concreta in tal senso è stata avviata con un progetto che coinvolge il mondo della scuola, che ritengo essere il terreno più fertile in cui coltivare e far crescere la cultura della legalità. La promozione del riutilizzo dei beni strappati alle mafie è un modo resiliente di fare comunità e contribuire alla lotta al crimine attraverso la partecipazione. Il mio ringraziamento va alla Regione e all'Osservatorio che ci fanno entrare in un circuito virtuoso, direi "risarcitorio" nei confronti della nostra città che può riprendersi ciò che le ha sottratto la criminalità organizzata».

 

Redazione ParvapoliS


    Altre notizie di cronaca

    ELENCO NOTIZIE