Eventi & Cultura

"Io sono Dio", la macchina è partita

Proseguono le riprese del film dedicato ai giovani. Il primo ciak, con 200 comparse nel parcheggio del 24 Mila Baci

18/03/2017

Io sono Dio il film che racconta le storie dell'adolescenza e il mito dell'immortalità dei nostri giorni ha iniziato le riprese. Il primo ciak all'interno del parcheggio del 24 Mila Baci, transennato e riservato per l'occasione lo scorso weekend. 200 comparse, selezionate durante i casting, hanno partecipato alla realizzazione di molte delle scene principali del film, alcune delle più spettacolari tra l'altro, con la partecipazione straordinaria dello staff CSE di Christian Manzi, intervenuto con tanto di ambulanza e squadra di paramedici. Inseguimenti a tutta velocità grazie alle automobili messe a disposizione da Extima Group, che per questo film ha anche fatto in modo che l'automobile del protagonista, una BMW 430 XDrive, per le scene più pericolose, fosse guidata da Mario Pizzuti, pilota professionista WRC. Sullo sfondo di una serata brava in discoteca, i nove protagonisti si sono fatti trovare prontissimi all'appello del regista Lorenzo Moriconi, dopo aver passato un'intera settimana a preparare il copione con l'Acting Coach Simone Finotti, fondatore, con Moriconi, della Seventh Art Productions. Durante la settimana il set si è spostato, passando ad impegnare l'istituto paritario Steve Jobs dove sono state girate tutte le scene legate al mondo scolastico e al centro estetico Nails & the City che ha collaborato alla preparazione della serata madre delle protagoniste del film ed infine a Cisterna di Latina in una villa privata allestita per le riprese dall'architetto Interior Designer Sara Pietrangeli. Per i ragazzi, per renderli belli e "maledetti" fondamentale anche il makeup realizzato da ASE, l'accademia superiore di estetica, di Gianpiero Aielli. Un grazie speciale da tutto lo staff va alla tatuatrice Serena Melis per il supporto al trucco. "Sono orgoglioso del clima di collaborazione e coesione che si è creato fra i ragazzi, dal primo giorno hanno fatto gruppo, si sono conosciuti profondamente, sono usciti insieme, si sono incontrati per provare, passando giornate intere e, anche qualche notte, a studiare la sceneggiatura - ha dichiarato il regista Lorenzo Moriconi - e in alcuni casi, in pieno spirito collaborativo mi hanno aiutato a cogliere alcune sfumature giovanili che non potevo conoscere per l'evidente differenza d'età. Il lavoro che stiamo portando avanti è stupendo e tutti e nove i ragazzi lo stanno rendendo unico!" Piacevolmente soddisfatto anche l'Acting Coach Simone Finotti "Abbiamo studiato ogni personaggio con attenzione per una decina di giorni, cercando di creare un background credibile per ognuno di loro, facendo in modo che i ragazzi entrassero nella parte e si sentissero davvero calati nel ruolo. Lo studio delle frasi, delle battute, l'adattamento dei modi di dire, è stato divertente ed entusiasmante sia per me sia per gli attori, che hanno mostrato davvero il massimo dell'impegno per arrivare pronti al primo ciak. Mi ha riempito di orgoglio vederli così disinvolti al momento di girare". Le riprese proseguiranno anche in questi giorni, la produzione, tutta pontina, vede la collaborazione dell'Associazione Familiari e Vittime della strada, il Patrocinio della Provincia e del Comune di Latina, della Latina Film Commission, dei Vigili del Fuoco e il supporto di partner privati.

Redazione ParvapoliS


    Altre notizie di eventi & cultura

    ELENCO NOTIZIE