Sport

«Il Latina si salva senza concordato»

I dirigenti del Latina Calcio fanno il punto della situazione in conferenza stampa

02/02/2017

Ecco le parole di Lucchesi che chiarisce il mercato deludente del Latina:

«Ci sono tante difficoltà che sono nate nel recente passato. Abbiamo liberato la rosa di ben 12 posti, tutti hanno chiesto di andare via. Boakye è stato acquistato per 2 milioni e prendeva 1 milione all'anno, più di tutto il fatturato del Latina, cederlo è stato difficile. Il mercato è stato sottotono a causa del fair play finanziario. Scaglia ha chiesto con grande insistenza di essere ceduto, minacciando di non rispettare il contratto. Abbiamo seguito Rodriguez del Cesena ma non c'erano i tempi, arriverà comunque un attaccante dagli svincolati.
Se fosse arrivato Zivec sarei stato più tranquillo, ma i trasferimenti internazionali sono complicati. La cessione di Regolanti sarebbe stata solo in prestito, ma non siamo riusciti ad ottenere un'alternativa nelle ultime ore. I derby non sono partite come le altre.»

Mancini parla invece della situazione finanziaria del club, in vista dell'udienza del 16 febbraio:

«Procediamo nell'opera di risanamento della società, senza di noi il 28 dicembre il Latina sarebbe probabilmente fallito. Ci stiamo mettendo la faccia affinché questo progetto vada avanti, dimostreremo che non siamo una società in stato di fallimento. Siamo in regola con tutti i parametri, ripartiremo con grande convinzione. Ringrazio tutti i giocatori che hanno dimostrato attaccamento alla maglia, si sono dimostrati grandi professionisti. L'operazione Scaglia è stata conveniente per tutti, lui ha detto molte bugie e fatto ricatti. Lo abbiamo ceduto al Parma ad un'ottima cifra per un 31enne, chi non vuole far parte della famiglia è libero di andare via. Non dobbiamo pregare nessuno, siamo convinti del nostro progetto. Arriveremo al 16 febbraio dimostrando di essere una società seria e forte».

 

Alessio Cascio

    Tag

    Calcio

    Altre notizie di sport

    ELENCO NOTIZIE