Cronaca

In manette il marocchino che le ha rovinato la vita

Dopo avere frequentato il padre di suo figlio ha cominciato a drogarsi e spacciare. Poi è diventata vittima di Stalking

07/11/2016

Nell'ambito delle attività volta a contrastare i reati predisposti dalla Questura di Latina, il personale del Commissariato di Formia nella giornata di ieri ha tratto in arresto R.J. nato in Marocco il 26.03.1989 domiciliato in Cassino , per oltraggio, resistenza e lesioni a P.U.. L'uomo, risultato irregolare sul territorio italiano, con precedenti per detenzione di sostanze stupefacenti violenza, minaccia a P.U., Ricettazione e false generalita', effettuati gli adempimenti di rito, e' stato associato presso le camere di sicurezza del Commissariato, così come disposto dal pm di turno d.ssa Marra. Al termine dell'udienza il soggetto è stato accompagnato presso la propria abitazione di Cassino ove in attesa del giudizio, rimarrà sottoposto al regime degli arresti domiciliari.
L'attività di p.g. e' scaturita da una segnalazione resa da una donna formiana rimasta colpita dalla foto, apparsa sul profilo dell'autore di una serie di insistenti telefonate, effettuate sull'utenza della figlia recentemente arrestata per possesso ai fini di spaccio in concorso di sostanza stupefacente.
A dire della teste il telefono chiamante, presentava una foto del profilo utente, ritraente un uomo ed una bandiera sullo sfondo, con scritte similari a quelle dello Stato Islamico; l'autore di tali telefonate, successivamente identificato in R. J., già legato alla ragazza da una relazione sentimentale, secondo la testimonianza informalmente resa, sarebbe stato la vera causa dell'allontanamento dagli affetti familiari della figlia, divenuta a soli venti anni assuntrice di droga e spacciatrice. Gli accertamenti effettuati da questo Ufficio, unitamente a personale del Commissariato di Cassino sulla personalità ed il curriculum criminale di R.J. - anche a seguito di perquisizione domiciliare nell'abitazione dello stesso, determinante il sequestro amministrativo di 06,00 gr. di hascisc per uso personale -, hanno permesso di ricondurre la vicenda nell'ambito di un giro di spaccio e consumo di sostanze stupefacenti .
Al termine di una delicata attività di accertamento è stato altresì notificata una misura di prevenzione a carico di un uomo responsabile di Stalking nei confronti della propria ex compagna. Anche qui è stata fondamentale la denunzia raccolta dal personale del Commissariato di Formia, da parte di una donna che dopo aver concepito un figlio unitamente al proprio partner subiva da questi una serie inaudita di violenze. Sono state riscontrate una serie di violenze esercitate nei confronti della giovane donna, subite anche qualche tempo prima del parto, attraverso referti medici e testimonianze che hanno convinto la Procura di Cassino ad emettere un provvedimento cautelare a carico dell'autore di tali turpi azioni. La causa di tanta violenza veniva attribuita ad una forte gelosia ed al rifiuto del nascituro e del conseguente ruolo di padre. Il destinatario della misura del giudice di Cassino è un personaggio di Formia di circa 40 anni con alcuni precedenti di polizia giudiziaria, al quale è ora inibita la possibilità di frequentare la propria vittima con un Divieto di avvicinamento, provvedimento appositamente previsto dal codice penale per gli autori del reato di Atti Persecutori.

Rita Bittarelli

    Tag

    Latina

    Altre notizie di cronaca

    ELENCO NOTIZIE