Economia

Voce del verbo destagionalizzare

Gianluca Di Cocco: «Se a mare gli stabilimenti lavorassero tutto l'anno da un lato aumenterebbe l'occupazione, dall'altro diminuirebbe il degrado d'inverno»

22/09/2016

«Non ho stabilimenti balneari, come tutti sanno però, ho un ristorante sul nostro lungomare». A ragionare, su Facebook, è Gianluca Di Cocco, commerciante e già amministratore locale. «Ho sempre dichiarato che destagionalizzare è un vantaggio per tutti, anche per chi come me appunto, vive di altro. Tra i vantaggi della destagionalizzazione rientra il possibile aumento dei livelli occupazionali, non più a scadenze trimestrali. Tutto ciò anche a vantaggio di una maggiore efficienza dell'intera struttura oltreché di una maggiore ponderazione nella scelta di personale qualificato e competente».
E continua: «La destagionalizzazione delle strutture balneari, con le insegne accese per dodici mesi l'anno e la presenza costante degli operatori, porta inoltre, ed è conseguenzialmente logico, l'allontanamento del degrado e dei "male intenzionati" che nel periodo invernale, trovano terreno fertile in questo territorio.  Credo necessario ingegnarsi per cercare di offrire servizi in grado di attirare la gente anche in periodi in cui la Via lungomare, è solo una strada di passaggio. Bisogna reinventare le attività sulla marina, rendendola una realtà non solo estiva, magari aggiungendo alla destagionalizzazione, che porta servizi, la promozione di eventi musicali, concerti, aperitivi in spiaggia, ma anche iniziative sportive, teatrali, culturali. L'imprenditore deve essere supportato e non sottoposto a mille aspetti burocratici, alcuni persino illogici. Il nostro litorale è una ricchezza da valorizzare, sbaglia, chi rema al contrario...».

Rita Bittarelli

    Tag

    Latina

    Altre notizie di economia

    ELENCO NOTIZIE