Politica

Dopo il caso Di Canio, Bruni: «Sky a Latina non potrebbe mettere piede»

«Immaginiamoci l'imbarazzo della regia: niente fontane, niente facciate razionaliste e niente tombini»

16/09/2016

Di Canio licenziato da Sky per un tatuaggio. La notizia ha fatto il giro dei media e dei social.  È un po' bizzarro che ci sia tanto antifascismo in assenza di fascismo. Ma ormai è così che va: due esperienze storiche non riproponibili, per una dialettica inattuale e se vogliamo incompatibile con la complessità delle dinamiche politiche contemporanee, che però continuano a tenere banco come se dietro le polemiche ci possa essere davvero un fatto politico concreto. Ad ironizzare su Facebook anche Cesare Bruni, tra i tanti. Che in un post ha pubblicato foto di 'Littoria': palazzo M, persino i tombini. «Certo che qui Sky non potrebbe venire. E nel caso di un servizio, queste dovrebbero essere le indicazioni della regia: telecamere rivolte verso il basso, niente fontane e niente Palazzo M». E se proprio Palazzo M dovesse scapparci ricordiamoci che M sta per Mamma. Ripetiamolo: Mamma.

Giovanni Moretti

    Tag

    Latina

    Altre notizie di politica

    ELENCO NOTIZIE