Cronaca

Di Rubbo: ecco la mia verità

L'ex assessore replica alle anticipazioni di stampa su presunte vicende giudiziarie

17/05/2016

Riceviamo e pubblichiamo da Giuseppe Di Rubbo: "In merito a quanto apparso sulla stampa, sulla vicenda della ipotetica variante Isonzoci tengo a sottolineare alcuni aspetti:

Nessuna variante è stata mai fatta, né proposta al consiglio sull'area di via Isonzo, anzi nessun atto amministrativoè stato posto in essere dall'amministrazione nel corso della mia attività amministrativa, il terreno dal momento dell'acquisto ad oggi ha la stessa destinazione urbanistica, agricolo èra ed agricolo è rimasto, nonostante negli anni di amministrazione abbia posto in essere almeno venti atti di pianificazione.

A dimostrazione di quello che dico, più di ogni altra parola, allego il certificato di destinazione urbanistica del terreno alla data di acquisto e ad oggi,  è facile verificare che sono esattamente uguali.

Per l'ennesima volta si assiste ad un sistematico linciaggio mediatico nei confronti del sottoscritto e dei suoi familiari, in cui le notizie di reato e di procedimenti giudiziari strettamente riservati dal segreto istruttorio vengono puntualmente anticipati alla stampa.Il fatto è ancora più grave perché "casualmente" verificato in campagna elettorale in cui il sottoscritto pur non essendo candidato riveste un ruolo politico;

La circostanza che miei familiari, direttamente ,indirettamente ,in società con altri soggetti  abbiamo acquistato da molti anni un terreno agricolo,  di modestissima entità ( il terreno agricolo riconducibile ad ogni familiare sarebbe di mq.4.000 ), fuori dal perimetro del PRG e tali sono rimasti dopo numerosi anni di amministrazione, dimostra la correttezza del mio operato.

Infatti, come si evince dall'articolo stesso, anche se dal 2007 esistesse uno studio di fattibilità di recupero dell'area in questione, la stessa è rimasta con la stessa destinazione agricola e ribadisco non interessata da alcuna delle numerose pianificazioni portate in approvazione. 

Anzi la scelta di pianificare ed approvare, i PPE, i piani di recupero, i piani di zona, invece di una variante al PRG, come in molti chiedevano, potendo includere anche aree esterne al PRG, è stata esattamente contraria ai presunti interessi di miei familiari.

Mi riservo di valutare in tutte le sedi civili e penali azioni a tutela della immagine e dignità mia e dei miei familiari."

 

 

Redazione ParvapoliS


    Altre notizie di cronaca

    ELENCO NOTIZIE