Politica

Sovrani: avanti anche senza Forte

Il capo dell'Udc sceglie Calandrini ma la candidata non demorde e risponde per le rime

22/04/2016

Riceviamo e pubblichiamo da Marilena Sovrani: "Leggo con rinnovato stupore le dichiarazioni del senatore Michele Forte che elargisce perle di saggezza politica senza dire (a mio avviso) granché. Dice di avermi candidata a giugno ma di essersi accorto che "non si poteva vincere". Bugia. Lui voleva (pretendeva?) che facessi un passo indietro caldeggiando la candidatura di Nicola Calandrini. A costo di ripetermi, confermo che la revoca del suo appoggio è stata prevista, ragionata ed accettata dalla sottoscritta come conseguenza della mia scelta di iniziare un nuovo percorso politico autonomo, slegato dagli schemi di quella politica che viene definita "saggia" ma che in realtà è figlia di una squisita spartizione di poltrone, paragonabile ad una scialba partita a scacchi in cui a prevalere non è l'abilità amministrativa ma solo l'interesse a dividersi una torta fatta di poltrone comode, un interesse che svilisce l'attenzione nei confronti dei cittadini di Latina. Mi sento estranea a questa logica. La luminosità degli slogan rivolti a Fazzone sull'esigenza di fare politica non schiarisce l'orizzonte politico, lo farcisce solo di una buona dose di populismo lontano dai veri obiettivi delle corazzate partitiche delle quali non faccio parte. Mi piacerebbe conoscere i motivi per i quali il senatore, a cui rinnovo la mia stima, ritiene Calandrini idoneo a ricoprire il ruolo di primo cittadino. E' davvero la consapevolezza di affidare una città sommersa dai debiti alla persona giusta? O è solo la conseguenza di un accordo di natura politica che sancisce un prevedibile gioco di squadra in cui i ruoli (futuri) sono già stati disegnati? Non mi sento in competizione con Forte, non siamo i piatti di una bilancia, non siamo due contendenti, rifuggo dall'idea di coltivare l'idea della gara podistica. Il cortese invito (rivelatosi alla fine dei giochi imperativo) a ritirare la mia candidatura è un affronto verso chi, come me, antepone il benessere della città alle aggregazioni che sembrano ma solo apparentemente essere costituite per il "bene" (tanto per usare un luogo comune) della popolazione. I proclami, gli inviti all'unione sono retaggio di una vecchia politica che gli elettori devono contrastare".

 

 

Redazione ParvapoliS


    Altre notizie di politica

    ELENCO NOTIZIE