Economia

Intesa Comune di Latina - Sindacati

Azione comune per il recupero dell'evasione e per l'introduzione del baratto fiscale

22/02/2016

Presso la sede del Comune di Latina si è svolta una riunione tra i rappresentanti del sindacato confederale e Comune, così come concordato, pochi giorni orsono, nel quadro dell'incontro tra Cgil Cisl e Uil e il Commissario Straordinario dott. Giacomo Barbato.Alla riunione era presente il subcommssario del Comune di Latina dott. Michele Albertini che ha voluto, innanzi tutto, introdurre la questione tributaria, analizzando la delicata situazione delle finanze comunali sia per la parte propria dell'ente che delle società partecipate. Il dott.Albertini ha reso noto che il Comune di Latina ha fatto fronte, nello scorso anno, da un lato a significativi esborsi sia per spese di funzionamento che per onerosi contenziosi e, dall'altro, ad una forte azione di recupero dell'evasione, inviando avvisi di accertamento bonario per circa 8milioni, a conferma di come l'evasione fiscale rimanga molto alta nel territorio.Il subcommissario Albertini ha condiviso, con i rappresentanti di Cgil Cisl e Uil, la volontà di sottoscrivere un accordo di collaborazione con l'Agenzia delle Entrate finalizzato alla lotta all'evasione ed, in tal senso, già l'Ente ha avviato i primi contatti con l'Agenzia. Inoltre, è intenzione del Comune avviare la sperimentazione del "baratto fiscale". Il baratto fiscale prevede lo svolgimento di varie opere ed attività (come lavori di giardinaggio e manutenzione di immobili comunali, manutenzione stradale e pittura, altre attività di interesse pubblico) per saldare i debiti con il fisco comunale. La novità è stata introdotta, un anno fa, dal governo per aiutare le famiglie travolte dalla crisi. Tra le grandi città , Milano e Bari, hanno deciso di offrire effettivamente questa possibilità ai loro residenti.Cgil Cisl e Uil hanno ribadito che la lotta all'evasione fiscale è un passo fondamentale per migliorare l'efficienza del Comune e riequilibrare la spesa a favore delle categorie più deboli. I dati forniti dal Comune di Latina , hanno detto Briganti , Ausili e Garullo, confermano quanto sia "grave e patologico" il fenomeno dell'evasione fiscale.Il sindacato ha di nuovo espresso l'urgenza di potenziare i servizi sociali, con miglioramento della efficacia dei servizi e l'aumento delle risorse. Cgil Cisl e Uil hanno, in particolare, sollecitato interventi a favore delle famiglie con minori e a basso reddito e delle famiglie con disabili. Come è noto, Latina è nelle posizioni più basse nella graduatoria nazionale e regionale per la spesa sociale. La spesa per ogni cittadino italiano nel 2011 (dati Istat) è stata di 116 euro per ogni abitante ( a Trento 282). Nel Lazio la media della spesa è stata di 153 euro per abitante. In provincia di Latina si sono spesi soli 63 euro per ogni abitante , meno che in ogni altra provincia della regione ( a Roma 183 euro). I segretari di Cgil Cisl e Uil si sono impegnati a formulare proposte dettagliate riguardo gli interventi sociali da rilanciare e potenziare subito dopo gli incontri tecnici con i vari dirigenti interessati. Comune e sindacato hanno convenuto sulla necessità di svolgere ulteriori incontri, anche in sede tecnica. E' stato concordato che l'impegno comune sarà di pervenire alla sottoscrizione di un accordo per la riqualificazione e il possibile aumento della spesa sociale.

Redazione ParvapoliS


    Altre notizie di economia

    ELENCO NOTIZIE