Politica

Sfida Barbato-Rida

Ore decisive per lo smaltimento dei rifiuti di Latina. In ballo un contratto milionario

19/01/2016

Ore decisive per vertenza apertasi tra il comune di Latina e la Rida Ambiente di Aprilia. Ricordiamo come quest'ultima abbia intimato al prefetto Barbato la sottoscrizione di un contratto triennale, così come disposto dalla struttura burocratica amministrativa, pena la non accettazione dei rifiuti provenienti dal capoluogo pontino. Barbato però ha preso tempo, evidentemente perplesso dall'impegnare il comune per ben tre anni con una spesa di 15 milioni di euro. Il commissario avrebbe preferito prendere impegni solo per i mesi restanti della sua amministrazione e lasciar libero il prossimo sindaco sul da farsi. Ma la vicenda è per molti versi contorta. Innanzi tutto va sottolineato come le norme regionali, che impongono alle amministrazioni di rivolgersi solo agli impianti esistenti sul territorio, abbiano di fatto creato una sorta di ingiusto monopolio a favore della società apriliana a discapito del liberi mercato e della libertà di scelta. Inoltre ancora non si capisce perché un dirigente del comune, tra l'altro alla vigilia del suo trasferimento ad altro ruolo, abbia impegnato l'amministrazione per un periodo così lungo senza ritenere di dover informare o meglio chiedere lumi al commissario prefettizio. Una storia di prevaricazioni ed errori che rischia però, come sempre, di creare un enorme disservizio alla comunità. Se Rida Ambiente non accetterà i rifiuti provenienti da Latina le strade della città si trasformeranno presto in discariche a cielo aperto. La Regione media ma si attende la decisione di Giacomo Barbato che deve rompere gli indugi e procedere alla sottoscrizione di un contratto, se sarà triennale o annuale lo vedremo presto. 

 

 

Redazione ParvapoliS


    Altre notizie di politica

    ELENCO NOTIZIE