Politica

Moscardelli, senatore nel...pallone

Se la prende con Enrico Forte ma dimentica i numerosi errori commessi nella gestione del partito

22/12/2015

Nel Partito Democratico di Latina ormai è davvero guerra aperta. Ieri sera ennesima fumata nera per l'elezione del nuovo segretario comunale dopo le dimissioni di Gioacchino Quattrola. Il candidato dell'area Forte, Andrea Giansanti, non ce l'ha fatta per soli due voti. Ed oggi il senatore Claudio Moscardelli s'è lasciato andare ad una sfogo sulla sua pagina Facebook affermando che "Ieri è fallita la spallata al partito da parte di Forte per occupare il PD di Latina. Sono sbigottito, scrive il senatore, per il senso di irresponsabilità mostrato da Enrico Forte che ha passato la giornata di ieri a telefonare singolarmente a componenti l'assemblea comunale del PD per tentare di strappare un voto in assemblea in perfetta parità. È' stato triste ascoltare tutti i tentativi di pressione su tanti amici ed amiche per cambiare campo e votare Andrea Giansanti. Dopo le primarie abbiamo mostrato grande lealtà al PD e sostenuto tutti la candidatura di Forte. La risposta è il tentativo di occupazione del partito e una conta congressuale."

Ma il senatore Claudio Moscardelli, a nostro avviso, dimentica una cosa importante: le primarie, appunto, le ha perse nettamente, sbagliando completamente strategia. Un errore, quello di aver puntato su Paolo Galante, che arriva dopo il bislacco tentativo di mettere le mani su Acqualatina spalleggiando Forza Italia e ricevendo alla fine la porta in faccia dagli azzurri che hanno preso tutte le cariche. Moscardelli appare chiaramente in difficoltà, appannato nelle scelte e nelle decisioni al punto che voltare pagina nel PD latinense appare una necessità piuttosto che una possibilità. In politica chi sbaglia paga, e Moscardelli di errori ne ha davvero commessi tanti. 

 

 

Redazione ParvapoliS


    Altre notizie di politica

    ELENCO NOTIZIE