Politica

Confronto in pillole

Ieri primo dibattito tra le forze politiche in vista delle amministrative di Latina

21/12/2015

"Latina domani", ma problemi vecchi quanto alcuni degli interpreti che ieri erano presenti al primo dibattito organizzato nell'ambito dei festeggiamenti dell'83esimo della città da Gianluca Campagna, coadiuvato da Alga Madìa, in una rassegna durata circa 90 minuti.

Problemi vecchi, ancor di più di Acqualatina e Latina Ambiente, come la realizzazione di metro e terme, presentati dalle stesse persone che erano presenti due consigli comunali fa, quando era sindaco Zaccheo. Fa strano anche come l'opposizione del Pd si aggrappi alla caduta del sindaco Di Giorgi come operato principale in difesa della propria città.

Interessanti sono parse le nuove proposte di 5 Stelle e Lbc giovani che hanno visioni totalmente diverse dagli altri. Ma giusto per entrare in  cronaca politica, ecco i punti principali dei singoli interpreti.

Calvi (Forza Italia): affrontare le realtà lavorative del territorio e tornare alla cultura ripartendo dalla realizzazione della biblioteca, spostando la sede insieme alla casa della musica all'ex mercato.

Fioravante (Partito Democratico): chiede che i cittadini non dimentichino le storture delle amministrazioni passate, una città che non sprechi soldi, progettare una urbanistica migliore per la città. Opposizione alla chiusura del dormitorio.

Tripodi (Olim Palus 2015): gestione del pane quotidiano, cioè il bilancio. C'è un piano regolatore per ricostruire la città anche grazie al commercio. "Sfruttare" il litorale. Credere di più nel sociale anche attraverso l'associazionismo. Dignità al cittadino di Latina, prima noi e poi gli altri, gli stranieri. Ripartire anche dell'artigianato.

Mastrogiacomo (Lista Chiarato): combattere il disagio che c'è da diversi anni, che condizionerà l'operato delle future amministrazioni.
Sostegno alle fasce più deboli, creare cultura e dare risposte alla gioventù.
Indispensabile innovazione nel settore agroalimentare.

Cacciotti (Fratelli d'Italia): ripartire dalle cose che hanno funzionato per ricostruire il presente, ad iniziare da ciò che viene denunciato sui social media come le buche e le scuole. Portare la luce di una normale amministrazione. Sfruttare le risorse economiche della Regione e della UE, ma anche di imprenditori che portino ricchezza. 
Marina di Latina come Rimini, navette per famiglie e giovani
Onestà, voglia di fare, creare l'obiettivo anticipando i problemi e credere nelle persone oltre il partito. Latina come specchio d'Italia.

Ciammaruconi (LBC Giovani): programma partecipato e condiviso per le esigenze di tutti. 4 i punti fondamentali per ripartire: sviluppo del territorio, cultura e ztl, infrastrutture e sicurezza, istruzione.

Confaloni (Movimento 5 stelle): protesta contro i soliti politici latinensi, tornare alla legalità. 5stelle è partecipazione, con cittadini portati alla politica. Il cittadino deve prendersi i suoi spazi, valutando un concetto nuovo di urbanistica.

Tiero (Ncd): creare una città a misura d'uomo. Turismo, agricoltura, artigianato e farmaceutico sono i punti su cui formare Latina. Gestione delle finanze: "Cubatura zero"per i progetti che riguardano turismo e l'urbanistica; fondi comunali per la manutenzione cittadina; finanziamenti più sostanziosi da chiedere alla Regione, visto che Latina è la seconda città del Lazio ma non viene considerata come tale.

 

Questo in estrema sintesi il primo confronto, alla presenza di tante seconde linee, in vista delle elezioni amministrative di primavera. Poche le idee innovative e tanta la retorica, ma almeno si è iniziato a ragionare sul futuro e sui programmi.

 

 

Redazione ParvapoliS


    Altre notizie di politica

    ELENCO NOTIZIE