Politica

Aprilia senza cardiologo

Appello di Noi con Salvini a Zingaretti: il Poliambulatorio manza di uno specialista

04/11/2015

Il primo atto politico del neo costituito comitato apriliano di Noi con Salvini è stato quello di chiedere al presidente della Regione Zingaretti di intervenire per una situazione divenuta ormai insostenibile e indegna di un Paese che si vanta di avere un Servizio Sanitario Nazionale. Presso il Poliambulatorio di Aprilia, da oltre sette mesi, non vi è più una unità di cardiologia poiché il titolare è giunto alla pensione. Non essendo stato nominato un sostituto, malgrado si parli di una popolazione di oltre 80.000 abitanti,  si costringono i cittadini, in particolar modo gli anziani, a dover porsi il dubbio se potersi curare o meno. Infatti, è inutile che si continui a far finta che la "sanità privata" integri e sia complementare con il servizio pubblico, quando è chiaro che ciò si riflette pesantemente sulle tasche dei ceti meno abbienti e vicini alla povertà, mettendo i cittadini davanti ad un bivio la cui scelta spesso ricade sul non curarsi o non procedere ad accertamenti che in molti casi potrebbero salvare vite umane. Sull'onda di questo stile di gestione prettamente mirante al risultato economico, e per nulla concentrato sui bisogni dei cittadini, si costringono centinaia di persone a dover svolgere esami fuori dal territorio. Se a livello teorico questo per qualcuno potrebbe non rappresentare un grande problema, informiamo che la città di Aprilia non brilla in tema di fruibilità dei trasporti pubblici e infrastrutture di conseguenza, come da più parti segnalatoci, molti anziani non autosufficienti e che non hanno la possibilità di essere accompagnati in auto da parenti sono in pratica esclusi dalle cure cardiologiche. 

 

 

Redazione ParvapoliS


    Altre notizie di politica

    ELENCO NOTIZIE