Economia

Consorzio alla bancarotta

I dipendenti non vengono pagati da 4 mesi e la Regione non mantiene le promesse

11/08/2015

Cgil, Cisl e Uil, a seguito del perdurare delle grave situazione finanziaria del Consorzio di Bonifica dell'Agro Pontino  che non consente il pagamento delle retribuzioni spettanti ai lavoratori (ad oggi le mensilità spettanti e non erogate sono 4), il pagamento dei fornitori, di effettuare gli interventi di manutenzione alle auto di servizio ed ai mezzi d'opera e di conseguenza di garantire neppure i servizi essenziali ai consorziati, hanno chiesto al Prefetto di Latina l'attivazione  di un tavolo istituzionale.

L'attuale condizione finanziaria, affermano i sindacati, ormai strutturata e non riconducibile  ad una situazione transitoria e straordinaria,  vede l'Ente di Bonifica al collasso con ricadute gravissime per la tutela del Territorio, il personale occupato, per l'economia agro-alimentare pontina,  l'indotto e più in generale  per l'intero tessuto sociale ed economico della Provincia.

L'Assessore all'Ambiente della Regione Refrigeri il 14 gennaio scorso aveva fatto proprie le istanze del Sindacato impegnandosi a trovarvi soluzione nelle more della nuova Legge di riordino del Sistema dei Consorzi di Bonifica del Lazio, mentre il 23 luglio sempre l'Assessore Refrigeri  comunicava  che entro i primi giorni di agosto sarebbero stati  stanziati 3,4 milioni euro a favore del Sistema consortile, il che avrebbe consentito, nei giorni immediatamente successivi, il pagamento degli  stipendi arretrati, mentre, riguardo  ai circa 48 milioni di euro richiesti dai Consorzi del Lazio, per saldare quanto dovuto dalla Regione per i servizi svolti dal 2010 al 2014, l'Assessore faceva presente  di poter coprire l'80% di tale cifra (circa 40 milioni di Euro), causa la mancata rendicontazione per il restante 20%. Ad oggi, scrivono i sindacati, con rammarico, constatiamo che  nessuno di questi impegni è stato mantenuto e che permangono le partite debitorie della Regione nei confronti dei Consorzi del Lazio:  Il tutto in un territorio, l'Agro Pontino, che è uno tra quelli a più alto rischio idrogeologico in Italia e che necessità di costante monitoraggio ed interventi" 

 

 

Redazione ParvapoliS


    Altre notizie di economia

    ELENCO NOTIZIE