Sport

Il presidente Cavicchi, il Latina è una grande famiglia

Il rsponsabile del settore giovanile è Gianluca Grande e non Nello De Nicola

01/04/2014


Oggetto - Paola Cavicchi: "In questa proprietà non c'è spazio per altri, noi siamo una grande famiglia. La nostra presidenza è operaia, sempre al servizio di giocatori e città"

Non ama la popolarità ed è sempre titubante quando viene chiamata a rilasciare interviste. Se decide di parlare, però, non è mai banale. Paola Cavicchi, questa volta, ha preso la parola per mettere a tacere voci su presunti quanto improbabili ingressi nella proprietà, e su altrettanto presunte nuove cariche societarie; senza dimenticare insinuazioni che cercano soltanto di destabilizzare l'ambiente, nel momento più delicato della stagione. "Il Latina prima di tutto è una grande famiglia, e proprio questo è il nostro segreto - ha dichiarato il presidente nerazzurro - Siamo una presidenza operaia, sempre vicina alla squadra, al servizio dei giocatori e della città. Non capisco perché qui a Latina ci si diverta sempre a parlare e scrivere senza alcun criterio, senza cognizione di causa, ma soltanto per fare insinuazioni con un unico scopo, ovvero distoglierci da quello che è il nostro reale obiettivo, che dovrebbe accomunarci tutti: un sogno calcistico che sarebbe un bene fantastico per tutto il territorio. Ci tengo a ribadire un passaggio importante: la nostra società è formata da una vera e propria cordata di amici, che si rispettano e nutrono piena fiducia l'uno nell'altro. Non abbiamo nessuna intenzione di allargare il nostro gruppo perché qui non c'è posto per altri. Non teniamo nessuno in congelatore. La nostra, da questo punto di vista, è una società blindata, e per farne parte non servono soldi o altri poteri, ma soltanto la nostra piena fiducia. Invito tutti a non fare il toto-elezione per ipotizzare nuovi ingressi, o una nuova figura per la carica di direttore generale: quella del diggì, per adesso, resta una casella vuota. Ringrazio personalmente, come fatto già da Pasquale Maietta, Davide Lemma per l'operato svolto in un ruolo importante, che per motivi di lavoro extra calcio non ha potuto più ricoprire. Ecco, quando troveremo un uomo di fiducia come lui, allora forse il Latina avrà un nuovo direttore generale. E a proposito di cariche, voglio precisare come il responsabile del nostro settore giovanile sia Gianluca Grande e non Nello De Nicola. Il motivo? Perché Gianluca Grande gode della nostra piena fiducia ed è prima di tutto un amico, oltre che una persona abile nello svolgere il proprio ruolo. De Nicola rappresenta un valore aggiunto esclusivamente dal punto di vista tecnico, abbiamo voluto avvalerci della sua professionalità per cercare di migliorare sotto alcuni aspetti il nostro vivaio, con l'obiettivo di farlo diventare in pochi anni all'altezza delle più blasonate società italiane. De Nicola ci fornisce una prestazione esclusivamente tecnica. Detto questo, invito tutti a non inventarsi storie per destabilizzarci, come se loro non volessero il bene del Latina, come se la promozione in serie A per loro sia qualcosa da impedire. Noi continueremo a fare il nostro lavoro forti di un popolo nerazzurro che ci dimostra un amore immenso: confesso che sabato, quando i tifosi ci hanno scortato fino alla stadio per incitarci, mi sono commossa. Ora spero di poter tornare a parlare tra un paio di mesi, magari per raccontare le mie impressioni su una grande impresa, che sarebbe l'ennesima. Tutti noi che vogliamo bene al Latina, abbiamo un fantastico sogno da cullare".

 

 

Redazione ParvapoliS

    Tag

    Calcio

    Altre notizie di sport

    ELENCO NOTIZIE