Sport

Terracina, arriva il formiano, ex Udinese e Salernitana, Dino Fava

Servirà per infoltire il reparto avanzato

23/09/2013

Altro rinforzo per il Terracina Calcio. Il 36enne Dino Fava è arrivato per infoltire il reparto avanzato dei tigrotti. Fava ex Udinese e Salernitana, può vantare oltre 100 gol tra i professionisti.
Nei suoi trascorsi anche Triestina, Napoli, Pro Patria, Varese, Treviso,
Bologna e Paganese.
Sarà a disposizione del mister da domani pomeriggio alla ripresa degli
allenamenti. «E' un'avventura che mi affascina molto - afferma Fava - Voglio
rimettermi in gioco e disputare un buon campionato». Una lunga trattativa
condotta dal presidente Attilio Saturno e dal direttore Emanuele Germano: «Già
dai primi incontri che ho avuto con i vertici societari ho compreso l'
importanza del progetto. Ripagherò la fiducia della società con impegno e
professionalità - prosegue l'attaccante - La mia condizione non è al massimo:
mi manca il ritmo partita ma dopo alcuni allenamenti sarà pronto». Soddisfatto
il presidente Saturno: «Sono felice che un calciatore di livello come Dino Fava
abbia accettato la nostra proposta».
Un vero colpo di mercato quello compiuto oggi pomeriggio dalla società di via
Ceccaccio, anche se mister Bacci non cambia idea sugli obiettivi stagionali:
«Ci sono squadre più attrezzate come Lupa Roma e Olbia, noi dobbiamo solo
raggiungere la salvezza il prima possibile». Fava dovrà trovare ben presto la
condizione fisica migliore considerando anche l'infortunio subito da Genny Del
Prete: l'attaccante ha avuto un problema al ginocchio contro il Cynthia: «La
sua esperienza sarà sicuramente utile al gruppo», conferma Bacci. Una scelta di vita quella compiuta dall'attaccante nato a Formia: «Vivo a Carano (paese al
confine tra il Lazio e la Campania), quindi potrò stare vicino alla mia
famiglia - precisa - Promesse? Sono arrivato a Terracina per rimettermi in
gioco e chiudere alla grande la carriera».
Tornando alla gara di ieri, il 2-2 maturato contro il Cynthia sul neutro del
"Bruschini" di Anzio ha lasciato l'amaro in bocca. «Era una partita da vincere
- conferma mister Bacci - Non siamo stati capaci di chiuderla. Ad inizio
ripresa abbiamo cambiato il nostro modo di giocare lasciando il fianco agli
avversari che avevano un uomo in meno».

Redazione ParvapoliS

    Tag

    Calcio

    Altre notizie di sport

    ELENCO NOTIZIE