Cronaca

Larus Ambiente, è questo il Parco che vogliamo?

Continuano gli allarmi per la spiaggia di Sabaudia sporca ed abbandonata

24/03/2013

Come già da noi riferito con tanto di documentazione fotografica, la spiaggia di Sabaudia e del Parco Nazionale del Circeo sta vivendo un periodo di profonda, e non da oggi, crisi ambientale. "Carico antropico eccessivo e malamente amministrato, abusivismo edilizio, erosione e sporcizia stanno riducendo uno degli ambienti naturalistici più importanti del Parco Nazionale, meta di migliaia di turisti ogni anno, in un immondezzaio che desta viva preoccupazione". Il virgolettato è frutto di una nuova riflessione del Circolo Larus Legambiente Sabaudia, più volte intervenuto sull'argomento. "Per rendersene conto - scrive il direttivo - è sufficiente fare una passeggiata sull'arenile dove si trova davvero di tutto: copertoni, televisori, migliaia di bottiglie di plastica e vetro, oltre a capanni in legno che continuiamo a segnalare e che restano stabili al loro posto. Uno sfregio al nostro territorio che merita di essere denunciato pubblicamente". L'attenzione del gruppo ambientalista si focalizza poi sul sistema dunale: "Per ragioni diverse (naturali e antropiche, in particolare legate a opere rigide realizzate lungo la costa che alterano il sistema delle correnti), come già denunciato in un recente servizio del TG1, l'erosione costiera sta producendo danni rilevantissimi". Un fenomeno, quest'ultimo, che dura da anni e produce "non solo arretramento dell'arenile ma anche il crollo sistematico della barriera dunale, che mette a rischio la relativa vegetazione, con effetti dannosi per il retroduna del Parco". L'appello del Larus è quindi rivolto ad Ente Parco del Circeo e Comune di Sabaudia affinché operino celermente ed in sinergia "per ripulire l'arenile prima che si moltiplichino i rifiuti ed inizi la stagione turistica, per abbattere le strutture abusive che vi insistono e difendere con cognizione scientifica e interventi ragionati ma urgenti, il complesso dunale e retrodunale del Parco". "Ne va - conclude la dirigenza del circolo - del Parco, della città di Sabaudia, della nostra economia turistica e di un ambiente naturalistico noto in passato e sempre più mortificato e sporco".

 

 

Antonio Picano

Tag

Sabaudia

Altre notizie di cronaca

ELENCO NOTIZIE