Economia

I commercianti protestano, sindaco e assessore li snobbano

Di Giorgi è impegnato altrove, Picca "non pervenuto".

19/02/2013

Una manifestazione imbarazzante. Eppure per i commercianti, così come loro stessi hanno presentato il problema, si tratta di vita o di morte. Morte delle loro attività commerciali di fronte ad un peso fiscale assolutamente non sopportabile e dunque la decisione di consegnare le chiavi dei negozi nelle mani del sindaco. Stamattina dunque il momento culminante: già alle 11 presso la sala De Psquale del comune di Latina erano arrivati i primi operatori con l'appuntamento per l'inizio alle 11,30. Passano i minuti, i commercianti arrivano quasi tutti, almeno quelli più rappresentativi. Arriva il presidente della Fipe Confcommercio Italo Di Cocco che confessa di essere teso: troppo importante è l'iniziativa che potrebbe condizionare il loro futuro. Ma mancano ancora alcuni protagonisti, come il sindaco Giovanni Di Giorgi e l'assessore al commercio Marco Picca. "Arriveranno tra poco, sono impegnati in Camera di Commercio" assicura qualcuno. Ma passa il tempo, si fanno le 11,45 e niente; si fanno le 12 e niente. A quel punto ci aspettiamo che i commercianti, già abbastanza arrabbiati per i temi della manifestazione, si arrabbino ancor di più, prendendo atto della mancanza di rispetto che sindaco e assessore dimostrano verso di loro. Invece si fanno le 12,15 (sono passati quindi tre quarti d'ora rispetto l'orario di inizio) e gli organizzatori invitano ad aspettare ancora un poco: "stanno arrivando", continuano ad assicurare. A quel punto capiamo tante cose. Capiamo perchè i problemi dei commercianti non vengono risolti e nemmeno affrontati. E' che la realtà si è capovolta: non è il sindaco e la sua giunta a dover essere a disposizione dei cittadini ma viceversa. Di Giorgi, che farebbe bene a spiegare (a proposito di tasse troppo care) perchè il suo esecutuivo mantiene l'aliquota Imu e l'addizionale Irpef ai livelli massimi, si permette di snobbare i suoi concittadini che pure non sono persone qualunque. I commecianti sono il cuore economico della città e, tanto per dirla tutta, costituiscono un bacino elettorale di voti moderati che al centro destra di Di Giorgi dovrebbe interessare molto. Eppure niente: noi, travolti dall'imbarazzo, alle 12,15 lasciamo il comune, imbattendoci in piazza del Popolo nell'assessore al commercio Marco Picca. Se poi Picca e magari anche il sindaco si sono "degnati" di far visita ai commercianti non lo sappiamo. Sappiamo solo che è stata scritta una pagina bruttissima della storia dell'amministrazione della città di Latina. 

Redazione ParvapoliS


Altre notizie di economia

ELENCO NOTIZIE