Eventi & Cultura

Latina Tango Festival, appassionati in delirio per Miguel Angel Zotto

I giardini del Palazzo Comunale di Latina stracolmi nella serata conclusiva

30/07/2012

Dire che è stato un successo è veramente poco ma la prima edizione del Latina Tango Festival, che si è svolta all’interno dei Giardini del palazzo Comunale, è andata aldilà delle migliori previsioni. Nella serata conclusiva di ieri il grande protagonista è stato Miguel Angel Zotto che davanti a centinai di appassionati e professionisti del tango ha confermato di essere uno dei migliori interpreti al mondo della spettacolare danza. "Il tango torna alle origini: in Italia". Con queste parole ha salutato il folto pubblico che lo ha seguito nella performance conclusiva del Latina Tango Festival. "Le mie origini sono italiane - ha detto Zotto - e mio nonno, emigrante in Argentina, fin da piccolo mi ha detto: è impossibile che in Italia non si balli il tango. E così, ancora giovane, appena 17enne, giravo per Buenos Aires con i miei dischi sotto braccio frequentando le milonghe, dove però il pubblico era sempre adulto. Era strano vedere un ragazzotto in questi ambienti. Ma a me piaceva il tango, suonarlo e ballarlo. Dopo decine di anni, quella mia passione è diventata la mia professione, tanto da girare il mondo esportando il ballo argentino in ogni continente. Compresa l'Europa e, soprattutto, compresa l'Italia. Per questo dico che il tango torna nel suo paese d'origine, dove mi fa piacere scoprire che ci sono tanti appassionati e professionisti e, soprattutto, si organizzano festival a tema. Questo di Latina, per quanto sia alla prima edizione, dimostra già una qualità molto alta, degno di competere con festival internazionali tra i più blasonati. Ma, la cosa che mi ha fatto più piacere, è vedere centinaia di giovani ballare il tango. Mio nonno, nel vederli oggi, sarebbe stato più che felice". Miguel Ángel Zotto ha rappresentato la "ciliegina sulla torna", caratterizzata da tanti altri ospiti d'eccezione che hanno dato lustro alla prima edizione del festival, che si è aperta con la performance della ballerina cantante Marcela Szurkalo, il tutto incorniciato nelle note musicali del Buenos Aires Café Quintet. "Siamo molto soddisfatti della risposta che c'è stata attorno al festival - ha detto Paola Sangiorgi in rappresentanza di tutto lo staff organizzativo -. Ha risposto bene la città, ma anche i tantissimi appassionati che sono giunti da Roma e da altre località oltre la provincia pontina. Ci tengo a ringraziare il Comune, la Provincia e la Regione che hanno patrocinato l'evento, ma in particolar modo tutte le scuole di ballo e i loro maestri, e tutto lo staff che ha creduto in questa kermesse. Solo grazie a loro siamo riusciti ad ottenere un risultato, in termini di presenze, davvero eccezionale". Le foto sono di Foto & Arte di Alfredo Sanguigni via della stazione, 309 - Latina scalo che ringraziamo.

Gabriele Viscomi

Tag

Cultura, Latina

Altre notizie di eventi & cultura

ELENCO NOTIZIE