Economia

Nexans, ancora un anno di cassa integrazione

L'accordo è stato sottoscritto oggi ma per il futuro nessuna ipotesi di reindustrializzazione

29/03/2012

Oggi presso Confindustria Latina i vertici Nexans e le organizzazioni sindacali hanno firmato un accordo che prevede il secondo anno di cassa integrazione per i 55 lavoratori che sono rimasti in carico alla società francese. Ricordiamo che altri 91 lavoratori hanno scelto percorsi alternativi (licenziamento volontario) e 7 sono stati ricollocati su altri siti del gruppo. Nell'occasione la UGL ha richiesto soluzioni valide per la reindustrializzazione del sito pontino, visto anche il piano presentato di bonifica dell’ area; inoltre è stato richiesto il rispetto degli accordi siglati in regione dove la Nexans si impegnava a individuare società di outplacement. Su questo punto, dopo le festività pasquali, verrà svolto un incontro con i lavoratori e società dedicate. “Ricordiamo che un anno fa - dichiarano il segretario provinciale dell’Ugl Chimici Latina Armando Valiani e il Componente della segreteria Cristian Della Portella - l’azienda si era impegnata a trovare nuovi imprenditori per la reindustrializzazione dello stabilimento e per offrire nuove opportunità di lavoro ai dipendenti rimasti in carico alla società. Così abbiamo richiesto un incontro con l’ Amministratore Delegato della società francese per capire il pano messo in campo visti gli impegni presi presso il Ministero dello Sviluppo Economico. Infine abbiamo richiesto un incontro istituzionale a livello comunale per verificare che l’area rimanga zona industriale e non zona residenziale.

Maurizio Berri

    Tag

    Latina

    Altre notizie di economia

    ELENCO NOTIZIE