Eventi & Cultura

I salotti culturali per il 75° di Fondazione

Terza edizione della manifestazione curata da Vaso di Pandora. Tra le polemiche

07/10/2011

Fuori luogo e persino presuntuosi sono sembrati i tentativi da parte di qualche esponente politico di strumentalizzare e denigrare la terza edizione dei Salotti Culturali, rassegna inserita nel calendario di San Michele 2011 e dedicata al 75esimo anniversario della fondazione di Aprilia, durante la quale circa sessanta sono stati gli interventi tra associazioni, comitati, scrittori e artisti di ogni settore. «L’amministrazione – ha detto il sindaco Domenico D’Alessio – respinge al mittente con forza l’accusa di non dare la giusta attenzione alle associazioni. Anzi, proprio perché ne riconosciamo il grande valore per la città, per primi stiamo cercando di mettere finalmente ordine, aggiornandone l’Albo e soprattutto effettuando un censimento degli spazi pubblici. Questo ci permetterà di restituire una sede alle associazioni assegnandole nel modo più trasparente possibile, non certo con i metodi del passato, che tra l’altro Loris Zecchin ben conosce. Quanto alla bella realtà dei Salotti Culturali, non avremmo voluto commentare perché non riteniamo accoglibili le polemiche pretestuose scaturite, anche perché al di là delle posizioni strumentali di qualcuno, la grande affluenza e la grande partecipazione di pubblico in piazza Sturzo parlano da sole. Ma quando qualcuno, per mettersi in evidenza a scopi politici, attacca le istituzioni anche se non ve ne sono i motivi e soprattutto coinvolge le altre associazioni, tacciandole di malafede, è doveroso intervenire. Vaso di Pandora, l’associazione che ha assunto fin dalla prima edizione tre anni fa la direzione artistica dei Salotti Culturali, ha gestito la rassegna nella massima autonomia. L’amministrazione, per conto suo, ha soltanto giudicato importante questo spazio per la cultura, l’ha istituito appena insediatasi e ha espresso la volontà di vederlo crescere e maturare, così com’è stato. E la gara di solidarietà scatenatasi già l’indomani dell’increscioso episodio del furto di mosaici ad un’associazione dimostra come la maggior parte dei protagonisti dei Salotti abbiano compreso in pieno lo spirito della rassegna. Anche per questo il rammarico è doppio nell’osservare che qualcuno, questa volta sì per motivi di appartenenza politica, strumentalizza una manifestazione importante. Il nostro auspicio è che nessuno mescoli politica e associazionismo e, su questo profilo, non è certo Antonella D’Annibale che ha i titoli per permettersi di dare pagelle all’assessore alle Politiche Giovanili Luana Caporaso, che ha egregiamente gestito lo spazio di piazza Sturzo supportando la direzione artistica, tantomeno al sottoscritto che al momento ha le deleghe alla Cultura e alla Pubblica Istruzione, settori della cosa pubblica mai abbandonati a se stessi come maldestramente si vuole far credere».

Sara Fedeli

    Tag

    Aprilia

    Altre notizie di eventi & cultura

    ELENCO NOTIZIE