Eventi & Cultura

Campagna e Gabriele a Castelforte

La presentazione del loro ultimo lavoro all’istituto Alfredo Fusco

11/03/2011

Le maschere sanguinarie del Carnevale sardo tra gli studenti di Castelforte. Infatti sabato 12 marzo alle 11 presso la palestra dell’istituto superiore ‘Alfredo Fusco’ di Castelforte l’associazione De Gasperi di Francesco Sessa presenterà il libro ‘Carnevale di sangue’. Dopo il fortunato tour in Sardegna, continuano le tappe del giornalista e scrittore Gian Luca Campagna e il fotoreporter Roberto Gabriele a casa propria che hanno pubblicato ‘Carnevale di sangue’ (edizioni Ego, 164 pagine, 22x22, costo euro 25). Si parlerà di Mamuthones e Boes anche con le Pro Loco di Castelforte e soprattutto di Ss Cosma e Damiano, che da diversi anni propongono un Carnevale ricco e allegorico, seppure completamente diverso rispetto alle tradizioni sarde, ma sempre con l’obiettivo di attrarre risorse e turisti. Il libro ‘Carnevale di sangue’ raccoglie un ricco reportage effettuato dal fotoreporter Gabriele e dal giornalista Campagna seguendo i Carnevali barbaricini e del Campidano: i due hanno girovagato per due anni durante i Carnevali di queste ancora selvagge zone della Sardegna e ne hanno tirato fuori un ritratto crudo e reale, ricco di immagini suggestive, corredate da un testo che però si discosta da quello del reportage e che abbraccia il mondo della narrativa, dato che i 7 Carnevali ritratti lo sono attraverso 7 racconti. Quindi i due hanno confezionato un libro di raro impatto, interamente a colori, dove vengono ‘raccontati e narrati’ 7 Carnevali di grande fascino come sono quelli di Austis, Mamoiada, Ottana, Bosa, Lula, Lodine e Oristano. La novità e l’originalità dell’opera è che i Carnevali non sono accompagnati soltanto da una ricca carrellata di fotografie ma anche da racconti in cui si respirano le atmosfere di questi particolari riti così lontani dal carnevale comunemente inteso: infatti, Campagna partendo dal ‘giornalismo gonzo’ di Hunter Thompson ha piegato i reportage in racconti, trasformando la cronaca in narrativa, utilizzando un linguaggio e uno stile romanzati seppure vicinissimi alla realtà sarda. La presentazione avviene non a caso a Castelforte, col coinvolgimento delle Pro Loco del comune stesso e di SS Cosma e Damiano, perché da anni esse sono impegnate a proporre il Carnevale del sud pontino, che da qualche edizione è tornata a scommettere sulla festa più trasgressiva dell’anno per attrarre turisti e amplificare il patrimonio artistico e ambientale di cui è dotata. Le Pro Loco nello specifico stanno puntando forte su questa festa, che se da una parte resta un’opportunità di divertimento e svago è anche un risorsa utile per la voce turismo, tant’è che già l’anno scorso la festa del carnevale in queste località si è svolta anche durante la stagione estiva, proprio come avviene nelle città costiere della Sardegna.

Sara Fedeli

    Tag

    Castelforte

    Altre notizie di eventi & cultura

    ELENCO NOTIZIE