Eventi & Cultura

Il coraggio della fedeltà

Il nuovo libro del generale Aldo Lisetti, pubblicato da Armando Caramanica

04/03/2011

Con un nuovo libro di Aldo Lisetti, delegato provinciale alla sicurezza sociale, si apre una collana che l’editore Armando Caramanica di Marina di Minturno intende dedicare alla storia e ai protagonisti dei 150 anni dell’Unità d’Italia. Il libro porta il titolo: “Il coraggio della fedeltà – Storia del colonnello dei carabinieri Enrico Lisetti (1904-1974)”, biografia scritta dal figlio Aldo, oggi generale dell’Arma nella riserva, autore di numerosi saggi e racconti. Il lavoro si inserisce, come altri libri sulla guerra editi in precedenza dallo stesso Lisetti, nel filone delle pubblicazioni dedicate al “Percorso della Memoria” avviato nel 2005 dal Presidente della Provincia Armando Cusani, dopo la concessione della Medaglia d’Oro al Merito Civile al Gonfalone provinciale da parte del Presidente della Repubblica. Fu proprio Cusani, in occasione della presentazione a Formia, nel 2004, del volume “Martiri ed Eroi di guerra tra i pastori aurunci” a chiedere a Lisetti di far parte di un “team” di storici della provincia per elaborare la relazione di base necessaria a documentare la richiesta della medaglia d’Oro al merito civile.
Lisetti, infatti, già da molti anni curava le ricerche per la ricostruzione, documentata e dettagliata, degli eventi bellici che investirono la provincia tra l’8 settembre 1943 e la fine di maggio 1944. Sono circa dieci anni di lavoro, iniziato prima ancora della sua elezione a sindaco di Campodimele, avvenuta nel 2002, che portò alla pubblicazione di “Silenzi di guerra”, relativo alle violenze subite da donne e bambini da parte delle truppe di colore dell’esercito francese. Egli ha aperto armadi degli scheletri presso ministeri e archivi privati per conoscere la verità, ha dato luogo a manifestazioni celebrative civili e militari, costituendo un comitato presieduto dall’allora ministro della Difesa Antonio Martino, ha coinvolto le popolazioni dei paesi interessati ed ha registrato eccezionali presenze anche nella piccola Campodimele: senatori Claudio Fazzone, Oreste Tofani, Riccardo Pedrizzi, Michele Forte, Mario Palumbo; deputati Stefano Zappalà, Antonio Tajani.
Lisetti ha organizzato anche convegni e tavole rotonde con scrittori di prestigio: Gabriella Gribaudi, Pasquale Maffeo, Fabrizio Carloni ed altri.
Dopo tanto impegno, dopo aver scritto diversi libri di eventi e protagonisti della storia del nostro Paese (tenente dei Bersaglieri Mario Musco di Ponza, maresciallo di Fanteria Domenico Di Fonzo di Campodimele, maresciallo della Finanza Antonio Ambroselli di Castelforte), Lisetti ha deciso di pubblicare – trovando la immediata disponibilità dell’editore Caramanica – un volume sul padre che da ufficiale dei carabinieri fu volontario in tutte le guerre della sua generazione e alla fine operò, prima e dopo l’8 settembre 1943 nella fascia di territorio tra il fiume Volturno e il Garigliano e poi ad Avellino, Taranto e Napoli ancora in stato di guerra. Singolare e interessante, nel contesto biografico, è l’appartenenza dei Lisetti, nel corso di almeno quattro generazioni, alle forze di polizia o, comunque, a servizio della legge. Con gli stessi nomi degli avi, infatti, oggi: Sara Lisetti é vicequestore della polizia di Stato in servizio a Roma ed Enrico Lisetti è avvocato patrocinante in Cassazione con studio a Roma e a Gaeta.
L’inedita pubblicazione esce proprio nella ricorrenza dell’Unità d’Italia, sviluppa il tema delle campagne militari che videro le truppe italiane impegnate sui fronti dell’Africa, della Spagna, dei Balcani, della Grecia, della Macedonia, della Jugoslavia e, infine, sul territorio italiano.

Sara Fedeli

    Tag

    Minturno

    Altre notizie di eventi & cultura

    ELENCO NOTIZIE