Politica

Lucci per lanterne

Polemiche sulla piazza e sul municipio. Pannone: «Occorre un maggior rispetto»

09/11/2010

Ebbene diciamolo: quella scala abusiva in metallo è un pugno nell'occhio, un'offesa al buon gusto; se la condizione per la sua eliminazione è ammettere che la responsabilità dell'installazione è stata di una giunta di centrosinistra, diciamo anche questo. Scrive Giuseppe Pannone: «Adesso, però, il Sindaco non ha più alibi per tergiversare: firmi l'ordinanza di rimozione ripristinando lo stato originario, ma non sostituisca l'obbrobrio antico con uno moderno. Questa è una delle richieste di residenti e non, che amano Sabaudia, niente di ideologico! Usiamo il buon senso e non buttiamola in caciara con tesi complottistiche da cortina di ferro, smettiamola di additare composte e civili assemblee di cittadini di intenti eversivi. Il Sindaco non è sceso nella “fossa dei leoni”, ha solo fatto ciò che un primo cittadino dovrebbe sempre fare, partecipando ad un incontro di persone che con compostezza gli chiedevano un “restyling” della sua posizione sull'intento dell'amministrazione di intervenire sulla piazza del Comune e, pubblicamente e con intelligenza, si è impegnato in tal senso dicendo che avrebbe fermato l'iter. C'è però un consigliere di lungo corso mago dei voti che, privo di argomenti, si avventura in ipotesi cospirative di stampo sovietico, senza considerare che contro l'intervento sulla piazza si sono schierati anche 28 deputati del Pdl, testate come “Il Secolo d'Italia” e “Fare futuro”, addirittura si è scomodata Assunta Almirante, come noto solo a lui, tutti componenti segreti di una setta anarcoide insurrezionalista di sinistra. Siamo seri. Si chiede solo di mantenere la parola data e rispettare il progetto originario di un luogo di tutti, residenti e non, un semplice intervento di salvaguardia e di restauro conservativo, a fronte di un'idea che rischia di ferire a morte un patrimonio storico e architettonico, come già è stato fatto nell'attigua ex piazza del Mercato. Evitiamo di reiterare orrori del passato, di sinistra o di destra che siano. L'amministrazione e l'intera comunità di Sabaudia dovrebbero preoccuparsi seriamente di altri complotti, questi reali e ben più inquietanti, perché stanno irreversibilmente minando il suo territorio».

Rita Bittarelli

    Tag

    Sabaudia

    Altre notizie di politica

    ELENCO NOTIZIE