Eventi & Cultura

Festival del Folklore, 25 anni di amicizia tra i popoli

Nozze d’argento per la più longeva delle manifestazioni fondane

28/07/2010

Nozze d’argento per la più longeva delle manifestazioni fondane: il Festival Internazionale del Folklore "Città di Fondi" prepara la sua luna di miele con esibizioni di gruppi folkloristici provenienti dai cinque continenti. Colombia, Messico, Spagna, Russia, Thailandia, Kenya ed Italia, quest'ultima con il Gruppo folklorico “Città di Fondi” ed il Mini Gruppo folklorico “Città di Fondi”, saranno i gruppi che si avvicenderanno sul palco di Piazza S. Francesco dal 1 al 5 Agosto per gli spettacoli gratuiti che, come sempre, inizieranno alle 21.
Per la 25a volta la città di Fondi chiuderà il mondo in una piazza e non solo farà delle tradizioni, delle danze e dei costumi di tutto il mondo uno degli spettacoli più attesi e apprezzati del panorama culturale fondano, ma creerà un'irripetibile occasione di integrazione e di interscambio culturale. Il tutto sotto l'egida del CIOFF, (Comitato Internazionale Organizzatori Festival del Folklore) fondato nel 1987 che persegue appunto scopi di promozione e diffusione della cultura della non violenza, dell'amicizia tra i popoli e della salvaguardia dei tesori della cultura tradizionale e popolare.
25 anni che hanno visto più di 100 nazioni alternarsi sui palchi fondani, nonchè diverse generazioni di fondani stessi cresciuti impegnarsi per la realizzazione di questo evento, con la nascita di amicizie e di amori che ancora resistono ad oggi, rimasti impresse ed indelebili sulla carta fotografica, ma soprattutto nei cuori e nelle menti degli organizzatori. «In 40 anni di esistenza del gruppo folkloristico ‘Città di Fondi’ sono nate amicizie ed amori che resistono tutt’oggi – spiega il prof. Di Vito, direttore artistico del Festival – ed è per questo che vogliamo consegnare un riconoscimento a tutti coloro che ne hanno fatto parte, anche semplicemente per un solo anno: è un invito a far pervenire il proprio nominativo e ad essere presenti Lunedì 2 Agosto per la consegna della targa ricordo». Attraverso gli occhi e gli scatti di Vincenzo Bucci, Lello Padrone e Lorenzo e Riccardo Marzoli, rivivremo il folklore del mondo a Fondi, i colori, i volti e la storia. Non solo: dopo 10 anni sarà nuovamente allestita una mostra di attrezzi agricoli e stile di vita contadina, per ricordare chi siamo e guardarci dentro per capire chi e cosa ci ha portato ad essere fondani di oggi. Verrà inoltre allestito un convegno dal tema “Il saltarello nel cinema di Giuseppe de Santis” a cura di Marco Grossi ed infine ci sarà una degustazione serale dei piatti tipici fondani e delle nazioni partecipanti al Festival.
«È giusto ringraziare chi anche quest'anno chi ci è vicino nella realizzazione del Festival - chiarisce Aldo Accappaticcio, presidente del gruppo folklorico "Città di Fondi" – come la nostra comunità dei frati di Fondi: Padre Luigi, Padre Giovanni Paolo, e fra Salvatore. Non ci stancheremo mai di ringraziare Padre Canio Rienzi che in tutti questi anni ha seguito con costanza il gruppo e il Festival. Un grazie al Sindaco di Fondi, Salvatore de Meo, all'Assessore al Turismo, Beniamino Maschietto, ed a tutto il suo staff, ed all’Assessore alla Cultura Lucio Biasillo. Un grandissimo ringraziamento va al gruppo COBAL ed alla C.O.P.LA. che hanno patrocinato anche quest'anno la manifestazione come meglio non avrebbero potuto fare, ed a tutti gli sponsor che hanno voluto nuovamente contribuire alla riuscita di questa edizione».
“Un popolo che ignora il proprio passato non saprà mai nulla del proprio presente”: mutuiamo da Indro Montanelli la speranza che la conoscenza delle tradizioni dei popoli possa essere il sostrato per un ponte che li avvicini. Ecco l’obiettivo del XXV Festival del Folklore della Città di Fondi.

Rita Bittarelli

    Tag

    Fondi

    Altre notizie di eventi & cultura

    ELENCO NOTIZIE