Eventi & Cultura

A cena con Franco Califano al Giardino della Meson

Una serata speciale tra note e parole del maestro della canzone italiana

13/07/2010

Tutto il resto è noia. Venerdì 23 luglio 2010 a Terracina non ce n’è per nessuno: l’appuntamento è al Giardino della Meson con le storie di vita e le emozioni messe in musica da Franco Califano, chansonnier schietto e impenitente che ha ricevuto la Laurea ad honoris causa dall’Università di New York “per aver scritto una delle più belle pagine della Canzone Italiana”. Cantantautore, scrittore, poeta, Franco Califano è nato tra le poltrone di un aereo in volo nel cielo azzurro di Tripoli nel settembre del 1938 e oggi, a più di settant’anni, ha lo spirito di un adolescente e un carisma irresistibile che abbatte i confini generazionali, raccogliendo il consenso incondizionato di giovanissimi e anzianotti, di donne e uomini di ogni età ammaliati dal mito del Califfo. Ragazzo di provincia, dall’infanzia randagia e complicata ma dal carattere ambizioso e testardo, è arrivato a Roma negli anni della Dolce Vita, debuttando nel mondo dei fotoromanzi, e ha subito conquistato la simpatia dei divi e l’amore delle belle donne di via Veneto e non solo. La sua vita è stata un’altalena di difficoltà e grandi successi, di scanzonato divertimento e profonda sofferenza, un mix di poesia e ironia che si leggono tra le righe delle oltre mille canzoni cantate in prima persona dal “maestro” con quell’inconfondibile parlata strascicata e romanesca o portate in vetta alle classifiche da Mina, Ornella Vanoni, Peppino Di Capri, Bruno Martino, Edoardo Vianello, Renato Zero e tanti altri. Amor cortese e lezioni di sesso, arte e bische, piaceri e galera, rock e malinconia: Franco Califano è una personalità forte e quasi sempre controcorrente, che è diventata il simbolo della vita vissuta intensamente e senza mai prendersi troppo sul serio. Tutti coloro che un anno fa sono stati in sua compagnia al Giardino della Meson custodiscono gelosamente il ricordo di una serata meravigliosa, fatta di racconti, canzoni, indimenticabili melodie e chiacchiere tra amici. Il 23 luglio il bis è d’obbligo.

Rita Bittarelli

    Tag

    Terracina

    Altre notizie di eventi & cultura

    ELENCO NOTIZIE