Politica

Cromofin, riapriranno i cantieri?

In consiglio comunale il Teatro Ex Luiselli e il Parcheggio Multipiano...

22/04/2009

Primo passo per il rilancio del progetto per la riqualificazione dell’area comprendente gli edifici dismessi dell’ex Cinema Luiselli, Consorzio Agrario e lo spazio antistante la nuova sede comunale. Questa mattina, dopo il rinvio avvenuto nella seduta di ieri, è stato discusso in Consiglio comunale il punto relativo al programma integrato d’intervento inizialmente proposto dalla GISI Immobiliare s.r.l. Come è noto, il cantiere è rimasto a lungo in uno stato di abbandono e l’amministrazione comunale, per evitare il dilatamento dei tempi di realizzazione dell’opera, ha preferito svolgere una costante azione di mediazione con la ditta che, ciò nonostante, non avrebbe provveduto ad assolvere a tutti gli inadempimenti contrattuali. Essendo l’opera di determinante rilevanza per la città, il Sindaco si è fatto promotore di numerosi incontri con tutti gli operatori interessati alla vicenda e, recentemente, è giunta la notizia di intervenuti accordi tra privati che vedono la Cromofin Spa succedere alla GISI Immobiliare nella ripresa dei lavori. Oggi, in Consiglio comunale, erano presenti i rappresentanti della Cromofin, il dott. Vincenzo Albanese e l’Avvocato Giovanni Paoletti che hanno relazionato sulle intenzioni della nuova proprietà circa la ripresa dei lavori fino al completamento degli stessi. Sostanzialmente l’intervento rimane invariato rispetto all’originario progetto ma con un ridimensionamento delle cubature. Inoltre è stata avanzata richiesta di misure necessarie all’erogazione all’impresa di un mutuo per l’esecuzione delle opere anche attraverso l’acquisizione della disponibilità del Comune all’iscrizione di ipoteca sui terreni di sua proprietà, restando a carico del privato ogni onere e spesa, anche relativi alla futura cancellazione. Al termine dell’esposizione e del dibattito, il Consiglio comunale, con 17 voti favorevoli, ha adottato una delibera di indirizzo con la quale si ribadisce la non preclusione al comune di ogni possibile risoluzione della vicenda, come pure la disponibilità dell’iscrizione di un’ipoteca, fermo restando i necessari approfondimenti in ordine alla definizione della variante urbanistica secondo le modifiche al progetto come richieste dalla Cromofin.

Rita Bittarelli

    Tag

    Cisterna di Latina

    Altre notizie di politica

    ELENCO NOTIZIE