Economia

Servitù nucleari: contributi economici anche ai comuni confinanti

Si tratta di un importante riconoscimento per gli abitanti del Garigliano

05/03/2009

In data 28 febbraio 2009, sulla Gazzetta Ufficiale n. 49/2009 è stato pubblicato un importante decreto legge che riconosce anche ai comuni confinanti con quello nel cui territorio è ubicato il sito nucleare del Garigliano un contributo economico. L'ammontare del contributo spettante a questi comuni che nel nostro caso sono oltre a Castelforte anche Santi Cosma e Damiano e Minturno è calcolato in proporzione alla superficie ed alla popolazione residente nel raggio di dieci chilometri dall'impianto. Si tratta di un importante riconoscimento non solo e non tanto per l'ammontare del contributo economico che i comuni interessati riceveranno ma soprattutto per il principio che viene instaurato e che accredita anche i comuni della riva destra del Garigliano tra quelli che hanno diritto ad essere risarciti. Il raggiungimento di questo importante obbiettivo si deve all'azione sinergica messa in campo da tutti quei comuni che pur avendo ricevuto gli effetti negativi della presenza delle centrali e, soprattutto, dei rifiuti pericolosi ancora stoccati all'interno dei siti, non si erano visti minimamente considerati dai precedenti provvedimenti legislativi emanati dal parlamento ma un ruolo fondamentale è stato svolto dal vice presidente della Commissione Finanze On.le Gianfranco Conte con il quale il sindaco Gianpiero Forte ha mantenuto strettissimi contatti quotidiani. “Riconosco -dice il sindaco Gianpiero Forte- che questo importante risultato è dovuto in maniera notevole all'impegno e alla disponibilità con la quale l'on.le Gianfranco Conte ha seguito passo passo l'istruttoria del procedimento che rende giustizia al nostro territorio e alla nostra gente che, nel corso degli scorsi decenni ha solo e soltanto subito i danni derivanti dalla presenza di un impianto nucleare sul cui esercizio si sono addensati sempre dubbi e perplessità di ogni genere. Con questo decreto legge, Castelforte e gli altri comuni che confinanti con quello che ospita la centrale posti nel raggio di 10 Km ottengono un riconoscimento che se non ripaga della servitù imposta quanto meno rappresenta un segno evidente che accredita un principio essenziale”. Questo risultato ottenuto attraverso una costante azione politica portata avanti con umiltà e senso di responsabilità è il primo al quale si ha accesso e che tende a dare forza ad un parziale ristoro anche per quei comuni che finora ne erano rimasti esclusi.

Rita Bittarelli

    Tag

    Castelforte

    Altre notizie di economia

    ELENCO NOTIZIE