Politica

Ospedale, quale futuro?

Gianlica Di Natale: «A che punto è il tanto sbandierato potenziamento?»

13/01/2009

“La Destra “ che già il 22 Dicembre scorso aveva allarmato i vertici della ASL che la chiusura del Regina Elena di Priverno e la Clinica Villa Azzurra stava mettendo sotto pressione sia la struttura che il personale del Fiorini e propose non solo di utilizzare le risorse umane dell’ospedale di Priverno per riorganizzare e potenziare tanti servizi e reparti, ma richiese anche al Dott. Stefano Nardi Sindaco di Terracina di organizzare immediatamente una Conferenza dei Sindaci per discutere e provvedere in modo concreto al potenziamento del Presidio Centro, torna insistentemente a chiedere che “l’Atto Aziendale” venga reso operativo. La Destra chiede: a che punto è il potenziamento dell’ospedale A. Fiorini? Diamo atto ai dirigenti del Presidio Centro che dopo la chiusura dell’Ospedale di Priverno molte risorse umane sono giunte nel Presidio Centro, non pensavamo di giungere a tanto. Inoltre sono stati assunti anche dei dirigenti medici, questo ci fa sperare che al più presto l’Atto Aziendale passi ad uno step superiore, e che queste nuove risorse, sia umane che finanziarie, vengano utilizzate al meglio, ad esempio con l’apertura di nuovi reparti. Inutile sottolineare che queste ulteriori e importanti risorse sono pagate dai contribuenti. Alla Destra non può che fare piacere, dopo aver evidenziato il possibile collasso dell’Ospedale “A. Fiorini”, che adesso qualcuno si sia accodato alla sua denuncia pubblica, per noi il collasso non è solo un problema chirurgico, ma anche medico perché andiamo a vedere quanti pazienti sono appoggiati dal reparto di medicina in altri reparti, da sei ai dieci pazienti giornalieri. Obiettivo della Destra è di giungere al rispetto dell’accreditamento dell’Ospedale Fiorini come Ospedale Sede di Pronto Soccorso, che si può ottenere con l’arrivo di queste nuove risorse in applicazione del DRG 424 del 1472006,. Noi de “La Destra” d’altronde chiediamo in base al suo accreditamento che l’Ospedale “A. Fiorini” possa poter stabilizzare i pazienti, con codice Rosso, che arrivano al suo Pronto Soccorso, ne vale per la salute dei cittadini, e l’incolumità del personale sanitario del Presidio Centro. “La Destra”, al Direttore Sanitario, ai Dirigenti Aziendali e ai Capi Dipartimento: . Chiede: A che punto è l’agibilità della 3° camera operatoria?. Nel blocco operatorio c’è un problema di aerazione e percorsi, a quando dei progetti seri? Se la dirigenza ha trovato la localizzazione per l’osservazione breve, essendo questo un nuovo servizio di degenza, che ha bisogno di tutto il confort alberghiero, di tutti gli strumenti per l’emergenza e di essere collegato direttamente al Pronto Soccorso. Il laboratorio analisi con l’avvento dei nuovi tecnici è in grado di fare la guardia H24,00, se la risposta è si, quando si parte? Il servizio di Cardiologia è in grado di restare di guardia H 12,00-(8,00-20,00) e H12,00(20,00-08,00) reperibili? Il reparto di Medicina quando è in grado di avere una guardia H24,00 attiva? Per il reparto d’Ortopedia, il nostro fiore all’occhiello, che è ora alle prese con una carenza di medici, a quando l’assunzione di minimo 2 unita mediche? “La Destra” comunica al Direttore Sanitario, ai Dirigenti Aziendali e ai Capi Dipartimento che qualora non fossero riorganizzati questi servizi e reparti, dal prossimo mese inizieranno volantinaggi c/o l’Ospedale Fiorini e si adopererà per organizzare incontri con: i cittadini di Terracina e delle altre città vicine, le varie associazioni per la tutela della Salute, i Sindacati ed associazioni Ospedaliere al fine di capire, tutti insieme, come sono gestite le risorse umane in quest’Azienda Sanitaria, e per continuare a chiedere che l’Atto Aziendale” sia reso operativo.

Rita Bittarelli

    Tag

    Priverno

    Altre notizie di politica

    ELENCO NOTIZIE