Cronaca

Reumatismi, ecco cosa fare

Per prevenire i fastidi invernali bisogna dire innanzitutto di no alla vita sedentaria

13/11/2008

Per prevenire le riacutizzazioni invernali tipiche della brutta stagione è necessario dire no alla vita sedentaria. Il freddo, la riduzione delle ore di luce, il sistema immunitario che funziona diversamente e l'accentuata sedentarietà sono i fattori peggiorativi connessi con la brutta stagione e si diventa più sensibili al dolore. Ma non bisogna sottovalutare anche i fattori psichici come ansia, depressione, insonnia e stress. Sappiamo che d'inverno il sistema di difesa è allertato e più attivo, cellule (citochine) e ormoni (glucocorticoidi e melatonina) capaci di favorire e sostenere l'infiammazione e il dolore sono prodotti in maggiori quantità mentre diminuisce la concentrazione dell'ormone-vitamina D. Più sensibili al cambiamento di clima e alle temperature invernali sono soprattutto i reumatismi muscolari. La prevenzione dei reumatismi inizia a tavola, la tappa successiva è il controllo del peso. Molte malattie reumatiche, in primo luogo l'artrosi, sono una conseguenza del sovraccarico o ne sono aggravate. Incrementare l'apporto di pesce ricco di omega 3 (almeno tre volte a settimana pesce azzurro, salmone, aringhe, sarde, tonno, anguille), latte e derivati, uova, verdure, frutta e cioccolata fondente amara.

Carlo Screti

    Tag

    Latina

    Altre notizie di cronaca

    ELENCO NOTIZIE