Politica

Latina: «Ancora incarichi esterni?»

26/07/2000

Il Bilancio 1999 del Comune di Latina sotto accusa. I consiglieri dell'opposizione, guidati dal leader Antonio Costanzo, contestano fortemente i documenti di bilancio - Relazione al Rendiconto della Gestione 99 e Relazione tecnica al Conto del Bilancio 99 - sostenendo che in questi non sono stati rilevati dati oggettivi e riferimenti che attestano il rispetto delle prescrizioni relative al "Patto di stabilità" riproposto dalla legge Finanziaria 2000. Tra le specifiche misure da adottare per il raggiungimento dell'obiettivo del Patto, assegnato al Comune di Latina in 3.974.000.000 di lire, le disposizioni ministeriali individuano in particolare il contenimento della crescita delle spese correnti rispetto agli anni precedenti e la limitazione alle consulenze esterne. L'argomento delle consulenze esterne e degli incarichi professionali hanno sempre suscitato forti dibattiti tra le forze politiche di maggioranza e opposizione. Anche questa volta, analizzando il Bilancio 99, l'opposizione lamenta «la continua crescita delle spese per le convenzioni con i professionisti esterni, nonostante gli interventi in Consiglio comunale e le segnalazioni del Collegio dei Revisori dei conti». La tendenza non sembra invertirsi, tanto che dai numeri del Bilancio preventivo del 2000 si prevedono cinque miliardi di lire, per gli incarichi esterni, con un incremento di circa un miliardo rispetto al 1998. Su queste basi Antonio Costanzo e altri consiglieri d'opposizione contestano all'Amministrazione «un'inerzia che non dimostra la volontà e la capacità di assumere e portare a termine i necessari interventi per concludere i concorsi e assicurare così la disponibilità di professionalità interne e quindi la continuità del servizio». Le contestazioni non toccano solo i "politici" dell'Amministrazione. Ai "tecnici" responsabili dei settori comunali, che si avvalgono degli esterni, imputano un «comportamento omissivo per non aver mai prodotto in questi anni la relazione periodica agli organi di controllo per consentire la verifica dell'efficienza, dell'economicità e del rapporto costi-benefici». Infine, un aspetto eclatante di questa vicenda, posto in evidenza, è la mancata risposta, ad oggi, da parte del Sindaco e del Presidente del Consiglio comunale a una richiesta d'informazioni da parte della Commissione Trasparenza, con la quale si chiedevano tutta una serie d'informazioni sulla gestione degli incarichi esterni. La richiesta fu votata dalla commissione all'unanimità nella seduta del 15 settembre del 1999, con il verbale numero 17. Sul tema degli incarichi esterni e più in generale sul Bilancio 99 i consiglieri d'opposizione chiedono l'intervento del Comitato Regionale di Controllo - CO.RE.CO. - e della Procura regionale presso la Sezione Giurisdizionale della Corte dei conti per il Lazio.

Redazione ParvapoliS


    Altre notizie di politica

    ELENCO NOTIZIE