Eventi & Cultura

Altro che valori cattolici...

Lo Stato non tutela la famiglia, anzi, getta i presupposti per un suo sfacelo. Il mondo politico dovrebbe seguire di più la guida del Vaticano...

01/06/2008

Mi chiamo Lorella Lattavo, sono di Roma, coniugata da 17 anni. Profondamente cattolica ( faccio parte con mio marito del Rinnovamento Carismatico e del gruppo famiglie della mia parrocchia S. Gaspare Del Bufalo), ho pure una mailing list su yahoo dedicata alla famiglia ( http://it.groups.yahoo.com/group/famiglianuova/) e sto constatando con amarezza che lo Stato italiano tutela per niente il nucleo familiare anzi tende a farlo sfasciare, approfittando del senso di bisogno e necessità in cui versano le famiglie oggi dal punto di vista economico. Oggi in una famiglia il monoreddito non basta più, occorre che pure la moglie lavori, ma se questa ha superato la soglia dei 32 anni è praticamente fuori dal mercato del lavoro, a causa di leggi che prevedono l'erogazione a carico dello Stato, per mezzo delle regioni, dei contributi INPS fino a questa età, liberando il datore di lavoro da questo peso non indifferente. Qualora l'età venga superata e il lavoratore è ancora in servizio, o viene licenziato perchè assunto con contratto a progetto, a tempo determinato, oppure viene assunto fisso ( se c'è necessità di coprire un posto) con i contributi previdenziali pagati direttamente dalla ditta. Quest'ultima ecco che preferisce assumere con contratti a sei mesi- due anni fino al raggiungimento dei 32 anni, rinnovando sempre il personale e evitando così lo spettro dei pagamenti contributivi gravanti sulle proprie tasche. Così molte donne che vorrebbero aiutare il marito, la famiglia, si trovano nell'impossibilità di farlo, con aggravio delle spese, dei pagamenti e con il ricorso estremo agli strozzini, alle finanziarie, coi risultati che sappiamo. Un'escamotage però pare che sia stata trovata, ossia le separazioni tra coniugi. La donna separata ha il privilegio di rientrare in una categoria protetta, che le permette di trovare lavoro, anche se ha superato l'età, e se ha figli ancora meglio, costituisce una garanzia in più. Il bello è che in questo tipo di separazioni non c'è allontanamento fisico del marito, come nel caso della separazione fatta sulla base di incomprensioni che porta poi inevitabilmente al divorzio anzi in questo caso, e mi è stato confermato, mai come ora i due sposi vanno d'amore e d'accordo, proprio perchè possono tirare un sospiro di sollievo dal punto di vista economico. Io ho un marito che guadagna mille euro al mese, e nonostante abbia una laurea ( ho presentato una tesi in diritto canonico proprio sul matrimonio) in legge, un'iscrizione all'albo dei giornalisti pubblicisti, non ho mai trovato un cane che mi aiutasse a trovare un posto degno dei miei studi, in quanto la carriera legale comportava troppi oneri economici e per motivi familiari non ho potuto perciò intraprenderla e trovare un giornale disposto ad assumermi, anche solo per collaborazioni manco a parlarne, a meno che " dietro" non avessi avuto qualcuno. Mi sono rivolta a tanta gente ( politici e non) ma tutti hano sempre tergiversato e sono arrivata all'età di 50 anni senza aver trovato mai uno straccio di lavoro. Per poter far fronte a questa situazione tragica dal punto di vista economico per la mia famiglia, ci è stato proposto di separarci: ma siamo cattolici ferventi e mai faremmo una carognata simile che infangherebbe il sacro vincolo del matrimonio. Quello che voglio far presente è che lo Lo Stato non tutela la famiglia, anzi, getta i presupposti per un suo sfacelo, arrivando a crearsi una situazione di questo tipo, che comporta un caos di cause sempre pù forte per i nostri tribunali già saturi di controversie di ogni tipo, molte delle quali banali. Come fare, e lo chiedo agli organi ecclesiastici, per arginare questo stato di cose? Per frenare l'ondata di distruzione morale che, in nome di un pezzo di pane negato e impossibile a guadagnarsi, sta colpendo sempre più le nostre famiglie? Si può fare pressione sullo Stato italiano affinchè applichi nuove norme a favore delle donne ( e pure degli uomini) che hanno oltrepassato l'età per un lavoro?

Lorella Lattavo

    Tag

    Latina

    Altre notizie di eventi & cultura

    ELENCO NOTIZIE