Politica

«Vogliamo Terracina pulita»

Cornelio Pisa: «Il Sindaco e l'assessore all'ambiente dovrebbero almeno rispondere»

22/05/2008

«Ancora una volta i nostri amministratori hanno perso l'opportunità di interagire con i propri cittadini, la loro latitanza ed il loro disinteresse, sta a dimostrare che non si è capito o non si è voluto capire il disagio di una città che dovrebbe essere a vocazione turistica e che alla vigilia della stagione balneare rischia di soccombere sommersa dalla sporcizia». Scrive La Destra: «Siamo stanchi di una città le cui piazze, parchi pubblici, i giardini delle scuole e i vicoli sono perennemente luridi, i monumenti sono invasi da erbacce, il porto Traianeo è sepolto dall'indifferenza dei nostri politici. Il Sindaco e l’assessore all’ambiente e qualità urbana devono rispondere ad una semplice domanda: Terracina pulita Sì o Terracina pulita No!. Basta alibi, se possiamo permetterci una società come la “Terracina ambiente” bene altrimenti, si deve avere un piano alternativo, perché se sbagliare è umano, perseverare è diabolico... Qualsiasi amministrazione, in special modo se si richiama ad ideali di “destra”, deve essere per il rispetto delle regole, le maglie larghe creano solo malintesi ed opportunità per chi vuole sfruttare la situazione. Da troppo tempo si temporeggia sul servizio di igiene urbana. Perché una società di nuova creazione come la “Terracina Ambiente” non ha le risorse per eseguire quanto previsto dall’appalto che già in origine prevedeva la raccolta differenziata? I nostri amministratori che vivono sul “Monte olimpo” sono consapevoli che i loro cittadini non sono delle vacche da mungere, ma gli unici che hanno il diritto di decidere cosa è meglio per loro?. Richiamiamo il Sindaco Dott. Nardi e l’assessore all’ambiente dott. De Gregorio a far rispettare alla “Terracina Ambiente” le regole del capitolato d’appalto e soprattutto le condizioni economiche sottoscritte nel capitolato della gara d’appalto a cui hanno partecipato ben consapevoli dei servizi da svolgere ed dei costi che dovevano affrontare. Basta giocare a nascondino come fa l’Assessore De Gregorio: negando l’esistenza dei problemi non si contribuisce a risolverli. Noi de “La Destra” caro Sindaco e caro Assessore ci chiediamo quando sarete in grado di difendere i diritti dei cittadini tutti e soprattutto di rendere il servizio in modo efficiente ridandoci una città pulita. Se la risposta, come speriamo, è affermativa bene continuate il lavoro, ma se la risposta, come pensiamo, è negativa allora esistono solamente due strade, una è quella che noi avevamo già proposto in un precedente comunicato stampa che di nuovo vogliamo ribadire: uscire dalla società mista e bandire una nuova gara d’appalto, la seconda è quella di mantenere fede alla parola data durante la conferenza dell'Associazione Ambientalista “Fare Verde” presso l'Aula Magna dell'Istituto Leonardo da Vinci di Terracina, in un confronto sulla gestione dei rifiuti in relazione al piano di raccolta differenziata porta a porta, al piano d'azione elaborato dall' Agenda 21 e alla riattivazione dell'impianto di compostaggio di Morelle: lei ha affermato che se entro il 01 Giugno 2008 non partiva la differenziata avrebbe dato le proprie ….. dimissioni».

Rita Bittarelli

    Tag

    Terracina

    Altre notizie di politica

    ELENCO NOTIZIE