Economia

Mostra Agricola di Campoverde, le novità

La Macchina organizzativa è già al lavoro per la prossima edizione

03/05/2008

È tempo di bilanci per la Tre M, la società organizzatrice della Mostra Agricola Campoverde - Fiera Nazionale dell'agricoltura che si è tenuta dal 24 al 27 aprile a Campoverde. Nonostante le difficoltà iniziali dovute al sequestro del sito comunale dove tradizionalmente si tiene la manifestazione, da parte della Procura della Repubblica di Latina, la Mostra Agricola ha avuto un ottimo riscontro di pubblico e di gradimento. Quasi settantamila i visitatori nei quattro giorni di fiera, un vero record: di questi, circa 28mila bambini in età scolare e pre scolare, che hanno visitato gli spazi della Fiera a titolo gratuito sia con gli istituti di appartenenza che con le famiglie. Successo in modo particolare per il Salone del Vino, la vera novità della XXIII edizione, con 45 cantine e circa 500 etichette. Senza dimenticare l'Esposizione Nazionale Canina, la fattoria didattica che ha attirato le scuole di tutta la Provincia di Latina, la presenza di Poste Italiane che hanno emesso quattro annulli speciali dedicati alla Mostra Agricola, i Falconieri ed i Butteri di Cisterna e dell'Agro Pontino, le star a quattro zampe dell'addestratore Daniel Berquiny, i convegni di approfondimento organizzati da Coldiretti, dal Consorzio Igp Kiwi Latina, dalla Federazione Italiana Libera Caccia di Latina e dall'Istituto Agrario San Benedetto, che quest'anno è stato partner della Fiera Nazionale dell'Agricoltura di Campoverde. “Abbiamo seriamente temuto che non si potesse tenere la XXIII edizione per i problemi riscontrati sul sito comunale”, spiega il presidente della Tre M Cecilia Nicita, “ma grazie alla nostra tenacia, gli ingenti investimenti e all'impegno della stessa amministrazione comunale, sono stati risolti i problemi per tempo. Far saltare la fiera significava perdere l'unica vera manifestazione di settore della nostra Provincia, che crea un indotto economico non indifferente e che coinvolge circa tremila operatori”. E la macchina organizzativa si metterà in moto già tra qualche mese per organizzare l'edizione numero 24. Punto di forza sarà, oltre al Salone del Vino, anche la valorizzazione dei prodotti tipici e dell'olio nostrano, di cui l'agro pontino e i monti Lepini sono produttori di eccellenza “Ci sarà un evento nell'evento”, spiega ancora Nicita: “Il pubblico e i produttori hanno chiesto di incentivare la presenza delle eccellenze locali quali olio e vino, e i prodotti tipici in genere. Stiamo pensando a un padiglione dedicato ai prodotti dell'agro pontino, che in questo modo potranno confrontarsi anche con i prodotti extra regionali presenti in Fiera. “Non possiamo in questo momento allargarci all'internazionalità: non vogliamo introdurre prodotti esteri finché quelli nostrani non saranno adeguatamente valorizzati sul mercato”. La manifestazione punterà sempre più alla qualità, sia degli stand che dei servizi, eventi collaterali e coreografia. “Continueremo a fornire sostegno anche alle associazioni culturali, artistiche, di categoria e sociali nei nostri spazi, in parte sostenuti dalla Camera di Commercio di Latina. Il budget messo a nostra disposizione è però irrilevante se poi il Comune continua a chiederci l'affitto per il sito. Speriamo che l'amministrazione comunale mantenga l'impegno di mettere in sicurezza definitivamente l'Area Fiere di Campoverde”.

Rita Bittarelli

    Tag

    Campoverde

    Altre notizie di economia

    ELENCO NOTIZIE