Eventi & Cultura

FilosiCity, quando l'offerta formativa è colorata

14/12/2007

Si chiama “FilosiCity” ed è la nuova veste, colorata e divertente, con cui l'I.P.S. “A. Filosi” presenterà la propria offerta formativa per l'anno 2008/2009: “L'Open Day è una delle numerose iniziative promosse per l'accoglienza e l'orientamento dei ragazzi alle prese con l'importante scelta degli studi superiori – spiegano le professoresse referenti del progetto, Maria Canta e Sonia Mangolini – Sabato e domenica, uno stand allestito presso la sede di via Roma offrirà informazioni e risponderà a dubbi e curiosità degli studenti delle classi terze delle scuole medie e delle loro famiglie, mentre l'Istituto resterà letteralmente aperto per tutti coloro che vorranno visitarlo”. Ispirata alla vitalità ed alla dinamicità delle grandi città studentesche, la “FilosiCity” vuole sottolineare l'approccio alla formazione che contraddistingue l'Istituto Professionale: un viaggio in compagnia di coetanei, docenti e professionisti, in cui lo sviluppo di specifiche competenze professionali diviene il biglietto d'ingresso per il mondo del lavoro. Verde, blu, rossa e gialla, sono ben quattro le “linee metropolitane” tra cui poter scegliere: si tratta degli indirizzi Aziendale, Turistico e Sociale e del progetto sperimentale dell'Alberghiero. “Tra le cosiddette fermate, ce ne sono due particolarmente significative -fanno notare le professoresse- Già al terzo anno gli studenti conseguono la Qualifica, titolo che consente di lavorare sin da subito, mentre al quinto ottengono il Diploma, il quale attesta la preparazione pratica e culturale necessaria per l'inserimento professionale o il proseguimento degli studi universitari”. Prima di arrivare al “capolinea” però, dove -tanto per fare qualche esempio- si va dalle aziende e gli enti pubblici alle agenzie di viaggio e le strutture turistiche o ancora dalle ludoteche, gli asili nido e le comunità alle aziende ricettive e di ristorazione, bisogna attraversare le tante strade che identificano le materie e le attività della formazione professionale. “Il nostro modo di concepire la scuola è quello di un laboratorio in cui l'istruzione tradizionale si fonde con l'esperienza lavorativa, realizzando la piena integrazione tra “sapere” e “saper fare” -illustrano le referenti- A partire dal terzo anno, tutti i ragazzi sono sistematicamente impegnati in stage e tirocini, mentre i corsi della cosiddetta terza area e dell'alternanza scuola-lavoro, tenuti direttamente da docenti esterni e tutor aziendali danno loro la possibilità di arricchire a mettere in pratica le conoscenze acquisite in aula”. L'appuntamento è per sabato pomeriggio dalle 17 alle 19 e domenica mattina dalle 10 alle 12.

Rita Bittarelli

    Tag

    Terracina

    Altre notizie di eventi & cultura

    ELENCO NOTIZIE