Eventi & Cultura

Unamuno ancora protagonista: oggi a "Più libri, Più liberi"

Dopo Francoforte e Salamanca, un altro palcoscenico di prestigio. Roberto Gervaso lo ha definito "libro splendido" di un "autore brillante e lucido"

07/12/2007

Torna l’appuntamento di riferimento del mondo editoriale nel centro Italia e la vetrina esclusiva del lavoro dei piccoli
e medi editori: da giovedì 6 a domenica 9 dicembre 2007 si svolge la quinta edizione di
Più libri più liberi, Fiera nazionale della piccola e media editoria: quattro giornate
di esposizione arricchite da un intenso programma di eventi culturali.
Il calendario è amplissimo e vede la partecipazione di centinaia di autori, studiosi
e personaggi amanti del libro ed editori, in gran numero anche quelli stranieri.
Ogni visitatore potrà costruire il proprio personale percorso, tra i numerosi temi
e generi presenti. Ci si potrà, infatti, lasciar sedurre dal fascino della grande narrativa
o appassionare dal giallo e dal noir, seguendo gli incontri con i più grandi maestri
del genere. Si potrà esplorare un’altra forma di espressione letteraria come la Poesia o
rivolgere la propria attenzione alle tematiche più scottanti dell’attualità e
dell’informazione. Si potrà spaziare tra la filosofia e il mondo dello spettacolo, o
conoscere nuovi modi di comunicare la parola scritta, quali i blog e le pagine elettroniche.
Saranno favoriti gli incontri con le altra culture, come è ormai consuetudine della
manifestazione.
Uno spazio tutto speciale sarà riservato a bambini e ragazzi, il cui interesse occorre
conquistare alla lettura, per il bene della cultura e per quello dell’editoria. E numerosi
dibattiti e confronti sono previsti tra i professionisti dell’editoria sul futuro del libro
e del suo mercato.
Anche quest’ anno la Rubbettino (stand F06), proporrà ai visitatori una nutrita esposizione
di volumi riguardanti diversi temi, politica, attualità, religione, storia.
Tra questi, in particolare, non possiamo non citare Inquietudini e meditazioni di Miguel
de Unamuno, il testo curato da Elena Cellini e con la prefazione di Armando Savignano
che ha inaugurato la collana di filosofia della religione diretta da Mauro Cascio con Massimo
Iiritano, la Compagnia de Galantomeni, e ancora: La mafia durante il fascimo di Christopher Duggan; L’ultima chance dell’Occidente di Tony Blankley; Le radici pagane dell’Europa di Luciano Pellicani; Il giornalismo politico di Mario Prignano; Dialoghi con un persiano di Manuele II Paleologo; Omosessuali di destra di Marco Fraquelli; Generazione Tuareg di Francesco Delzìo; La Cattedrale e il Cubo. Europa, America e politica senza Dio di George Weigel; Cesira e Benito di Gianni Scipione Rossi; Chi è Stato? Di Luigi Tivelli; Povertà e terrorismodi Hernando de Soto; Le ragioni della laicitàLa società libera di Friedrich A. von Hayek; Stati assassini di Rudolph J. Rummel; Discorsi al popolo di Dio di Karol Wojtyla; Le balle di Newton di Tom Bethell; Professione peacekeeper di Andrea Angeli; Le repubbliche delle banane di Hans Christoph Buch; Gente che passa di Corrado Alvaro; La Nazione di Anthony D. Smith.

Roberta Colazingari

    Tag

    Latina

    Altre notizie di eventi & cultura

    ELENCO NOTIZIE