Cronaca

Inquinamento acustico a Borgo Grappa. Ancora disattenzione

18/07/2000

"Una brutta storia che non riesce a trovare una soluzione adeguata. 10 anni di battaglie e controversie, ma nelle orecchie della gente solo promesse e rumore!". Sono parole di Mauro Visari, consigliere comunale dei DS.
"Stiamo parlando del campo di tiro a volo di via Malconsiglio (in località Borgo Grappa), una struttura sorta in zona H rurale, dapprima scavalcando licenze, autorizzazioni, e così via poi, regolarizzato non si sa se tutto o in parte. In realtà, non ci stupirebbe conoscere i retroscena urbanistici dell’intervento, quest’Amministrazione, superficiale e senza regole, ci ha abituato da anni ad un territorio non pianificato. Ci interessa di più capire il disagio costante, quotidiano, continuo e assordante che decine di cittadini soffrono da troppo tempo.
Sono stato condotto in via Malconsiglio, a bordo di uno scooter, solo pochi giorni fa, perché mi rendessi conto personalmente del problema. Ebbene, gli spari sono udibili fin dalla strada e, onestamente, non possono non provocare nevrosi, con il loro ritmo incostante e tagliente. Quando sembra che il rumore si interrompa e che i suoni della campagna prendano il sopravvento, parte un’altra raffica di colpi. Ti trovi lì e non riesci a pensare ad altro che al ritmo di quegli spari davvero insopportabili.
Un primo rilievo del PMP portò alla chiusura del campo. Successivamente venne riaperto previo interventi di insonorizzazione. Tali interventi consistono in un muro di balle di fieno. Credete siano sufficienti? Noi diciamo, per buon senso di no, tuttavia un nuovo rilievo del PMP stabilisce la regolarità dei dB emessi. I cittadini, comunque, tornano alla carica, stavolta con certificati medici che attestano danni uditivi in un bambino e disturbi vari, nausea e vertigini in alcuni anziani. Una sequenza, insomma, interminabile di esposti, lettere denuncie, certificati, e così via. Tutto perché il Comune di Latina non intende procedere alla applicazione di una vecchia legge che fa obbligo ai Comuni di predisporre la zonizzazione acustica.
Sinceramente, non credo si possano attendere ancora altri certificati o denuncie, né lan zonizzazione, poiché i tempi sarebbero troppo lunghi. Abbiamo un intero quartiere che vive nel disagio più completo, tartassato dagli spari da una parte e dall’odore insopportabile dell’ILSAP dall’altra. Bisogna rispondere subito e concretamente.
Noi abbiamo formulato una richiesta di inserimento del problema all’odg del Consiglio Comunale. Vogliamo che si faccia subito e che il disagio sia cancellato presto.
In questo momento, tra Montello e Le Ferriere, qualcuno propone un altro campo pre il tiro a volo. Speriamo che stavolta qualcuno abbia anche pensato all’impatto ambientale".

Mauro Cascio


    Altre notizie di cronaca

    ELENCO NOTIZIE