Cronaca

Priverno. Sportello verde, parte il progetto

06/11/2006

L’apertura di uno Sportello Verde a Priverno capace di dare risposte in materia di agricoltura. E’ questo il progetto che l’assessorato alle attività produttive e formazione intende realizzare in collaborazione con i sindaci del comprensorio che fanno parte del SAI di cui Priverno è Ente capofila (Sonnino, Roccagorga, Maenza, Prossedi e Roccasecca dei Volsci) convocati, a tal proposito, per il 14 novembre p.v. alle ore 10.30.
A renderlo noto è l’assessore di riferimento, Claudio Giorgi.
“Dopo la gestione diretta dell’UMA – ha dichiarato Giorgi – concernete la distribuzione del carburante per mezzi agricoli, ormai da molti mesi espletata sul luogo ed erogata dal Servizio Agricolo Intercomunale (SAI) di cui Priverno è Comune capofila, la Direzione Regionale ‘Organizzazione e Personale’ diretta da Giuseppe Nino Menna al quale va il mio personale ringraziamento, ci ha comunicato che al Comune verrà pagata, per le competenze spettanti riferite a tale settore, un totale di circa 106.000,00 euro per i quattro mandati 2003/2006 che potrà essere utilizzata per nuovi progetti. Fino ad oggi, infatti, sebbene il servizio UMA attivo sul territorio in maniera continuativa, abbia dato i suoi frutti con l’evasione delle pratiche in seduta stante, le risorse a disposizione non ci consentivano altro.
Adesso, grazie alla somma stanziata per i quattro mandati, possiamo finalmente pensare di incrementare il settore relativo all’agricoltura elaborando nuovi progetti. Il mio suggerimento, del quale porterò a conoscenza i sindaci nella riunione del 14 novembre, riguarda l’istituzione di un vero e proprio ufficio per l’agricoltura che si occupi, nello specifico, di tutto quello che orbita intorno al settore. Un Ufficio Verde, al quale l’agricoltore, l’allevatore e comunque chiunque svolga un’attività legata al settore agricolo, potrà rivolgersi per essere informato su qualsiasi aspetto, dal legislativo a quello di ordinaria gestione del proprio comparto. Oltre ad evadere le pratiche relative all’UMA, quindi, personale competente dovrà rispondere e reperire informazioni in base alle richieste che gli verranno sottoposte documentandosi e utilizzando tutti gli strumenti che avrà a disposizione. L’utente potrà rivolgersi allo sportello per esporre qualsiasi problema perché è necessario tutelarlo e guidarlo per consentire al comparto zootecnico di regolarizzarsi ed essere all’avanguardia”.

Rita Bittarelli

    Tag

    Priverno

    Altre notizie di cronaca

    ELENCO NOTIZIE