Eventi & Cultura

Priverno. È alle porte l'estate privernate

17/06/2006

La città si trasforma quasi animata da nuova vita. I luoghi più suggestivi del piccolo centro lepino, quelli che hanno resistito al passaggio dei secoli offrendo allo sguardo dell’osservatore curioso bellezze architettoniche di altri tempi, frammenti di arte impressi in immagini avvolte da atmosfere ataviche che parlano di altri luoghi e di altri uomini, tornano a risplendere magicamente sotto i riflettori di un’estate concepita, nella dichiarata volontà dell’Amministrazione, all’insegna della valorizzazione culturale che punta al rilancio turistico e alla promozione economica e culturale dell’invidiabile patrimonio artistico cittadino.
In quest’ottica è stata realizzata la nuova edizione de L’ Estate Privernate 2006 organizzata dall’Amministrazione Comunale – Assessorato alla Cultura, Dipartimento Cultura, Gestione Musei, Biblioteca, Turismo e Pubblica Istruzione – che unisce eventi di risonanza nazionale a tradizionali manifestazioni locali. Cinema, teatro, concerti: a partire dal prossimo venerdì, 23 giugno, Priverno offrirà un programma di intrattenimento variegato rivolto ad un pubblico eterogeneo che avrà la possibilità di scegliere tra le numerose iniziative in programma.
Partendo dagli incoraggianti risultati ottenuti nel corso delle precedenti edizioni, anche quest’anno si realizzeranno i Venerdì Culturali nell’ambito delle attività del Sistema Museale Urbano del Comune di Priverno in collaborazione con l’abbazia di Fossanova e dei suoi esercenti che hanno sostenuto l’iniziativa Il Borgo in Musica. Ad essi saranno affiancate la rassegna cinematografica Cinema in Piazza, la rassegna teatrale estiva ma soprattutto il concerto dell’Accademia di Santa Cecilia di Roma che metterà in scena i Carmina Burana di Carl Off, organizzato unitamente all’ATCL romana (Associazione Teatrale fra i Comuni del Lazio), fiore all’occhiello di questa nuova edizione che avrà come cornice naturale l’abbazia di Fossanova.
Dal 23 giugno al 25 agosto i musei rimarranno aperti fino a mezzanotte, nel rispetto di alcune date prestabilite, con visite guidate e saranno organizzati percorsi artistici e passeggiate nei luoghi architettonici più rappresentativi della città come, ad esempio, a Fossanova e al Castello di San Martino, oltre che naturalmente nell’area archeologica ‘Privernum’. Numerosi anche gli incontri in programma per parlare di archeologia, matematica e astronomia. Il tutto accompagnato da musica, teatro e spettacoli all’aperto ma poiché non solo l’occhio e la mente vogliono la loro parte, un momento importante, per chi vorrà approfittarne, sarà dedicato alla gastronomia con la possibilità di assaggiare golosità locali anche nei ristoranti e nelle strutture convenzionate: i visitatori dei musei, infatti, riceveranno la card Dalla cultura ai Sapori che offrirà uno sconto del 10% nei mesi di luglio e agosto negli esercizi commerciali di Priverno che avranno aderito all’iniziativa.
Nel grande contenitore culturale, un ruolo preminente continua a svolgere l’iniziativa dei Venerdì culturali che raccoglie una serie di eventi di qualità di natura e carattere diverso. I Racconti dell’archeologia, con incontri a tema che affronteranno, di volta in volta, argomenti tutti mirati a ricostruire usi e abitudini dell’affascinate mondo della Roma Antica: svago, sport teatro e spettacoli. Gli Incontri interattivi per osservare le stelle, il sole e le macchie solari, per sperimentare antichi metodi di misurazioni astronomiche. Particolare attenzione sarà rivolta all’evento La Notte delle Scienze, un happening scientifico estivo organizzato dall’associazione ‘Il Globetto’ rivolto a chi vorrà approfondire, divertendosi, il mondo della conoscenza scientifica insieme a dieci ricercatori del Dipartimento di Chimica e Fisica dell’Università ‘Tor Vergata’ di Roma con dieci postazioni distribuite all’interno del Parco di San Martino dotate di strumenti e macchinari per effettuare esperimenti spettacolari relativi appunto alla chimica, alla fisica alla matematica, seguendo un percorso itinerante. Cinque visioni per la rassegna cinematografica e tre spettacoli per quella teatrale e poi, il 18 agosto, a Privernum, Festa grande a Mezzagosto…come 2000 anni fa. Il 20 agosto del 137 d.C. un ricco cittadino privernate, per ringraziare il popolo che lo aveva eletto pretore duoviro per la seconda volta, organizzò feste e banchetti per cinque giorni, offrendo spettacoli e teatro insieme a prelibatezze culinarie quali focacce e vino con il miele. E allora, anche quest’anno, l’area archeologica torna in festa aprendo gli scavi per raccontare nuove scoperte, coinvolgendo anche i più piccoli e intrattenendo il pubblico fino a mezzanotte tra le rovine delle terme, del teatro e delle piazze della città romana con spettacoli accompagnati da musica e gastronomia. Insomma, il presente diventa occasione anche per rivivere il passato storico della città, fornendo stimoli e attrattive per calarsi nella realtà dei suoi antenati, scoprirne segreti e lasciarsi ancora stupire e affascinare.
Le giornate archeologiche sono organizzate dalla Cooperativa ‘ArcheoRiVa’ di Priverno; quelle scientifiche dalle associazioni ‘Il Globetto’ e ‘ATA’. L’iniziativa è in parte finanziata dalla Regione Lazio.

Rita Bittarelli

    Tag

    Priverno

    Altre notizie di eventi & cultura

    ELENCO NOTIZIE